Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconApprofondimenti
line break icon

Seguendo Papa Francesco: il denaro deve servire, non governare

@DR

Emanuele D'Onofrio - Aleteia Team - pubblicato il 22/11/13

Tra pochi giorni il nuovo colloquio organizzato alla Lateranense farà il punto sul cammino della Dottrina sociale della Chiesa in tempi di governance globale

Il rimescolamento degli equilibri economici che la crisi di questi anni ha prodotto nel mondo impone un’attenta riflessione sul nuovo ruolo che giocano nelle istituzioni laiche ed ecclesiastiche di tutti i paesi il bene comune, la sussidiarietà, la dignità della persona e gli altri principi contenuti nella Caritas in Veritate del 2009. Si ispira ad un brano di un’omelia di Papa Francesco, appunto “Il denaro deve servire, non governare”, il titolo del terzo Colloquio Annuale di Dottrina Sociale della Chiesa organizzato dall’Area di Ricerca Caritas in Veritate, che si svolgerà il 26 e il 27 novembre nell’Aula Paolo VI della Pontificia Università Lateranense. Nei due giorni del convegno, al quale parteciperà un vasto numero di studiosi di economia e di dottrina sociale, verranno messi a fuoco i passi compiuti dai poteri pubblici, da quelli privati e dalla Chiesa per incontrarsi nella costruzione di una nuova etica del mercato e di un nuovo ordine politico ed economico.

Aleteia ne ha parlato con il prof. Flavio Felice, direttore dell'Area di ricerca Caritas in Veritate, che introdurrà con il suo intervento la due giorni alla Laternanense, e con il prof. Luca Diotallevi, docente di Sociologia presso l’Università di Roma Tre, che aprirà la prima giornata di lavori.

Qual è lo spunto principale che vi ha spinti a concepire questa conferenza?

Felice: Si tratta del terzo colloquio annuale di Dottrina Sociale della Chiesa organizzato dall’Area di ricerca Caritas in Veritate, un organismo istituito nel 2010 proprio per consentire agli studiosi e ai cultori di Dottrina Sociale della Chiesa e delle scienze sociali che si riconoscono nella prospettiva cristiana di avere un luogo nel quale riflettere insieme e promuovere le proprie ricerche, anche quelle comuni. Abbiamo iniziato nel 2011 con un primo colloquio dedicato al ruolo delle istituzioni alla luce dei principi di solidarietà, sussidiarietà e poliarchia. L’anno scorso si è svolto il secondo colloquio sul tema “Se vuoi la pace, costruisci istituzioni di pace”. Quest’anno il colloquio è dedicato ad un tema che può apparire a prima vista molto ampio: in realtà “il denaro deve servire, non governare” è un’espressione tratta da un’omelia di Papa Francesco, nella quale parlando dell’etica cristiana e dell’economia il pontefice ha delimitato il campo del denaro, anzi, potremmo dire il campo degli strumenti finanziari in generale, non demonizzandoli, ma mettendone in evidenza l’utilità piuttosto che l’elemento finalistico: il denaro non deve essere il fine delle azioni delle istituzioni e dell’opera nell’ambito del sociale, piuttosto deve essere lo strumento tramite il quale poter fare del bene. Ecco, con questa espressione noi intendiamo riassumere i temi dei due precedenti incontri, le istituzioni e la pace: intendiamo cioè chiederci come le istituzioni possano essere al servizio degli uomini per la governance globale di oggi, e come il denaro e gli strumenti finanziari possono essere anch’essi utili a questo scopo.

Nel cammino della Dottrina Sociale della Chiesa, quali sono le continuità e le discontinuità nel passaggio da Benedetto XVI e Papa Francesco?

Felice: Certamente c’è una grande continuità, che è indicata anche dal titolo del nostro colloquio: “il denaro deve servire e non governare” significa che la finalità ultima delle azioni dell’uomo dev’essere la persona stessa. La persona è il fine, tutto il resto può essere utilizzato come valido strumento perché lo si raggiunga: questa è la più grande continuità di Francesco rispetto al magistero sociale di Benedetto XVI. D’altra parte esistono differenti toni, esiste uno stile diverso, questo lo abbiamo notato tutti, ed è anche un elemento di ricchezza dal punto di vista della Chiesa. Esiste anche un oggi che papa Francesco esprime e che non è immediatamente identico al momento in cui Benedetto XVI ha offerto il proprio magistero: io credo che oggi la Dottrina Sociale della Chiesa stia ponendo l’accento sulle emergenze, se vogliamo anche psicologiche, che sono legate al tema della ricchezza e anche del suo reciproco, ovvero la povertà. Cioè, i fenomeni anche di cronaca ai quali noi assistiamo – bambine che si prostituiscono per un paio di stivali insieme ad altre situazioni drammatiche e tragiche – fanno emergere in modo desolante una pochezza e povertà umana terrificanti. Anche laddove c’è la ricchezza materiale possiamo scorgere un’enorme povertà morale, psicologica, esistenziale. Mi sembra che Papa Francesco stia ponendo l’accento su questo aspetto che, sia chiaro, non è assente nel magistero di Benedetto XVI, anzi quel magistero – ma anche quello di Giovanni Paolo II, di Paolo VI e di tutti i papi che li hanno preceduti – è servito a sviluppare una conoscenza, una competenza e possiamo dire una coscienza relativamente al tema delle istituzioni politiche ed economiche. Con Papa Francesco la Dottrina Sociale della Chiesa parla all’uomo, sapendo bene che le istituzioni saranno buone nel momento in cui saranno popolate da uomini buoni.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
denaroglobalizzazionepapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni