Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
home iconNews
line break icon

Lampedusa: il mare è nostro, le vittime degli altri

© DR

Aiuto alla Chiesa che Soffre - pubblicato il 22/11/13

Monsignor Francesco Montenegro, vescovo di Agrigento, ammonisce le autorità UE durante una visita a Bruxelles

«Che senso ha officiare funerali di Stato per le vittime, se non celebriamo con altrettanta passione la vita dei superstiti. Questi nei campi di accoglienza sono trattati da criminali e sono stipati in più di mille in rifugi con solo 250 letti». È lo sfogo di monsignor Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, durante un incontro organizzato il 7 novembre scorso presso il Parlamento europeo da Aiuto alla Chiesa che Soffre.

L’iniziativa è stata promossa nell’ambito della collaborazione tra Unione europea e Aiuto alla Chiesa che Soffre, che ha visto svolgersi a Bruxelles altri colloqui tra le istituzioni europee e alcuni testimoni delle Chiese in difficoltà, quali quelle di Pakistan, Egitto e Siria.
Obiettivo del confronto è stato illustrare ai rappresentanti dell’Ue il contesto in cui si è verificata la tragedia di Lampedusa, cercare inoltre un modo per alleviare le sofferenze dei sopravvissuti e prevenire nuovi eventi drammatici. A partire dal prossimo marzo non appena il mare sarà più calmo, si prevedono infatti nuove ondate di profughi.

L’arcivescovo ha incolpato l’Ue di «non far abbastanza per spezzare quell’effetto a catena che porta inevitabilmente uomini, donne e bambini a lasciarsi tutto alle spalle nella speranza di una vita migliore». Secondo il presule i 28 paesi membri sono concentrati sulle prossime elezioni europee e preferiscono parlare di «queste povere anime come se fossero invasori da tenere il più lontano possibile. Sono tutti ben disposti ad armare i ribelli siriani, ma poi fermano le famiglie che cercano di sfuggire quegli stessi proiettili».

Al cospetto del presidente del Consiglio europeo, Herman van Rompuy, e ad altri esponenti dell’Ue, monsignor Montenegro ha spiegato che Lampedusa «rappresenta il futuro dell’Europa» e per questo impone provvedimenti immediati. «Mentre l’Unione ha promesso al governo italiano un aiuto di 30 milioni di euro, noi come Chiesa cerchiamo di accogliere i poveri e sostenere gli abitanti dell’isola che aprono le porte delle loro case a chi ha perso tutto».
Ad accompagnare l’arcivescovo di Agrigento a Bruxelles anche il direttore della Caritas locale, Vittorio Landri, che ha sostenuto la necessità di «un nuovo centro di accoglienza più rispettoso della dignità umana, in cui gli ospiti non vivano come in una prigione». Landri ha testimoniato la drammatica situazione dei bambini giunti a Lampedusa. I piccoli che frequentano la ludoteca del centro di accoglienza sono oltre 5600, molti di loro però diventano vittime dei trafficanti umani e di organi. «Dobbiamo agire immediatamente – ha ammonito monsignor Montenegro – per impedire che i bambini o i loro genitori finiscano nelle mani dei criminali».

Il presule ha infine ricordato le centinaia di vittime alle quali ha impartito la sua benedizione. «È stato orribile! Quanti cristiani, con il loro crocifisso stretto forte in bocca, hanno perso la vita nel Mediterraneo. Sono 20mila i morti accertati e chissà quanti quelli di cui non abbiamo notizia, inghiottiti dal Mare Nostrum nell’indifferenza generale. Perché il mare è nostro, ma le vittime sono sempre degli altri».

Aiuto alla Chiesa che Soffre” (ACS), Fondazione di diritto pontificio fondata nel 1947 da padre Werenfried van Straaten, si contraddistingue come l’unica organizzazione che realizza progetti per sostenere la pastorale della Chiesa laddove essa è perseguitata o priva di mezzi per adempiere la sua missione. Nel 2012 ha raccolto oltre 90 milioni di euro nei 17 Paesi dove è presente con Sedi Nazionali e ha realizzato oltre 5.604 progetti in 140 nazioni.

Tags:
lampedusamediterraneoue
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni