Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
home iconChiesa
line break icon

I rapporti con l'ebraismo nella Buenos Aires di Bergoglio

@DR

Esteban Pittaro - pubblicato il 19/11/13

Un docente analizza l'operato dell'attuale pontefice nell'avvicinamento al popolo ebraico

La recente irruzione di un gruppo che si opponeva alla celebrazione di un atto interreligioso nella cattedrale di Buenos Aires fa volgere lo sguardo su un aspetto che a quanto pare caratterizzerà il pontificato di papa Francesco: le relazioni con l'ebraismo. Roberto Bosca, docente di Dottrina Sociale della Chiesa presso l'Università Australe, in Argentina, spiega alcuni degli elementi fondamentali per comprendere sia l'avvicinamento del papa agli ebrei che il rifiuto che hanno incontrato le sue iniziative in alcuni gruppi integralisti.

Quali caratteristiche ha avuto il dialogo interreligioso a Buenos Aires negli ultimi anni?

È trascorso poco più di mezzo secolo dall'inizio del dialogo interreligioso nella Chiesa cattolica. Visto che si tratta di processi lunghi, non si può ancora dire che ci si trovi a uno stadio avanzato, anche se si possono verificare evidenti ed enormi progressi rispetto al passato.

In concreto, a Buenos Aires nei tempi più recenti si sono moltiplicate le iniziative di una parte e dell'altra, in modo molto superiore ad altri luoghi. L'aspetto che spicca maggiormente in questi ultimi anni mi sembra che sia una nuova istanza caratterizzata dalla generalizzazione, ovvero che il dialogo stia aumentando a livello numerico, nel senso che sta scendendo, per così dire, dagli ambienti gerarchici e specializzati a quelli più ampi del popolo.

Il dialogo include solo ebrei e cristiani?

Risulta evidente che in questo momento si sta consolidando un nuovo clima che ha già una certa tradizione nel Paese, soprattutto tra cristiani, specialmente cattolici, ebrei e musulmani. Per le sue caratteristiche, in Argentina c'è sempre stato un clima di dialogo che è frutto della convivenza prodotta da una consistente immigrazione, e si possono trovare ad esempio nei primi decenni del secolo scorso club sociali fondati da immigrati siro-libanesi e formati da cristiani, ebrei e musulmani.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
dialogo interreligiosoebraismopapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni