Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il significato del segno della croce sulla fronte, sulle labbra e sul cuore?

@Corinne SIMON/CIRIC
Condividi

Significa che Parola di Dio deve essere accolta nella mente, annunciata con la voce, conservata nel cuore

Gentile padre Antonio,

mi spiega il significato del segno della croce sulla fronte, sulle labbra e sul cuore che si fa durante la messa? Grazie

Milena

Nelle norme riportate nell'introduzione del Messale Romano, quando si precisa il comportamento da tenere al momento della proclamazione del Vangelo, viene stabilito che il diacono o il sacerdote che annuncia la Parola, dopo aver segnato con il segno di croce la pagina del Lezionario, deve segnarsi sulla fronte, sulle labbra e sul cuore. Il triplice segno di croce deve essere fatto anche dall'assemblea. Tutto questo non deve essere considerato un gesto rituale, ma un forte richiamo che la Chiesa intende fare per sottolineare la grande importanza che si deve dare al Vangelo.

La Parola di Dio, che rimane sempre la luce che deve illuminare il cammino dei credenti, deve essere accolta nella mente, annunciata con la voce, conservata nel cuore. Tutto questo deve ricordarci che dobbiamo impegnarci a comprendere e capire la Parola di Dio con attenzione e illuminata intelligenza. Questa deve essere annunciata e proclamata da ogni cristiano, perché l'evangelizzazione è un dovere di tutti i battezzati. Deve essere amata e custodita nel cuore per diventare poi norma di vita. Tutti siamo invitati a esaminarci su come accogliamo il Vangelo, su come ci impegniamo nell'annuncio di questo messaggio, su come conformiamo la nostra vita alle sue indicazioni. Siamo chiamati a diventare un “Vangelo illustrato”, “il quinto Vangelo”, non scritto con l'inchiostro ma con la propria vita. Accogliamo con la mente, annunciamo con le labbra, conserviamo nel cuore il tesoro della Parola e, lungo questa strada, affidiamoci al Signore per essere riflesso della vera luce in mezzo alle tenebre del mondo di oggi.

——–
Invia il tuo interrogativo, scrivendo una email a padreantonio@asuaimmaginesettimanale.it oppure spedendo una lettera all'indirizzo A Sua Immagine, Borgo Sant'Angelo 23, 00193 Roma. La risposta arriverà dal silenzio e dalla spiritualità del Monastero di San Benedetto di Subiaco. Padre Antonio offrirà una chiave per trovare un senso alle questioni poste, accompagnando il cammino di credenti e non credenti.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni