Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconArte e Viaggi
line break icon

"Anni felici", una vivace testimonianza d’epoca

@DR

Il Cinematografo - pubblicato il 08/10/13

Il film di Daniele Lucchetti necessitava però di maggiori sfumature e chiaroscuri

di Massimo Giraldi

Anno 1974. A Roma Guido è un artista “moderno”, tutto preso dai nuovi movimenti di avanguardia tra pittura e scultura. Si sente però intrappolato in una famiglia troppo borghese e invadente. La sua attività creativa mal si concilia con la presenza della moglie Serena e dei due figli Dario e Paolo, 10 e 5 anni. Tra i genitori c’è una forte attrazione fisica ma la vita quotidiana diventa sempre più difficile e precaria. Guido va Milano ad una performance happening dal vivo. Serena lo segue di nascosto e quando lui chiede al pubblico di partecipare, Serena si offre all’improvviso, creando grande imbarazzo Per lei è il primo passo verso l’avvicinamento alle istanze femministe. Cerca l’indipendenza e accetta di andare in vacanza con un gruppo di donne. Con Helke, direttrice di galleria, comincia una storia più seria…

Daniele Luchetti lo dice apertamente: “Dopo Mio fratello è figlio unico e La nostra vita, mi trovo per la terza volta ad affrontare un racconto familiare (…) Cosa c’è di vero e cosa c’è di inventato? I fatti sono in parte frutto di fantasia, i sentimenti sono invece totalmente autentici. Ho dovuto inventare molte bugie per riuscire ad avvicinarmi a quella che umilmente definisco la verità”.
Questa confessione così diretta e immediata serve a mettere le mani avanti, a far capire le difficoltà di recuperare un equilibrio tra fatti troppo personali e altri troppo oggettivi? E’ questa sensazione che comincia da subito (con la voce fuori campo – di Luchetti stesso – a spiegare e avviare il plot) e attraversa l’intero copione. Che soffre della necessità di restare attaccato alle vicende del nucleo familiare e trascura il contesto, il contorno, la vita. Il risultato è una introspezione psicologica fin troppo caricata (anche nelle istanze femministe) e una assenza di dialettica con l’immagine, con la storia, con i personaggi. Testimonianza d’epoca vivace ma film che necessitava di maggiori sfumature e chiaroscuri.

GUARDA QUI IL TRAILER UFFICIALE DEL FILM

Tags:
cinemarecensioni film
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni