Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconNews
line break icon

La collera e la luce in Siria

@DR

Chiara Santomiero - pubblicato il 19/09/13

In uscita il libro del gesuita padre Dall'Oglio di cui non si hanno notizie da due mesi

La sua voce non si sente ma le sue parole hanno lo stesso il potere di smuovere le coscienze: "un libro che è innanzi tutto un grido, quello di un uomo, un gesuita consacrato all’amore di Gesù per i musulmani, che ha dedicato 30 anni della sua vita al dialogo islamo-cristiano, senza mai smettere di costruire ponti, e che in pochi mesi ha visto tutto quanto crollare in un orrore senza nome". Così l’Editrice missionaria in Italia presenta il libro "Collera e luce. Un prete nella rivoluzione siriana" di padre Paolo Dall’Oglio, il gesuita romano sequestrato quasi due mesi fa in Siria e di cui non si hanno notizie certe. Il libro, già pubblicato in Francia nel maggio scorso, esce ora nella edizione italiana e sarà in libreria dal primo ottobre con l’aggiunta della postfazione consegnata a metà luglio da Dall’Oglio prima di partire per una missione di "mediazione" tra i ribelli.

Padre Paolo conosce bene la Siria e il Medio Oriente; da quando è stato espulso dalla Siria non si è stancato di girare e incontrare persone per sensibilizzare l’Occidente distratto sulle speranze di un popolo che ha cercato nella rivolta la possibilità di una libera espressione. Così come non si è stancato di chiedere che la comunità internazionale si mobiliti per far cessare una guerra civile che non solo sta distruggendo la Siria ma rischia di compromettere anche i delicati equilibri di tutta la regione.

Nella sue pagine, riporta Ansamed (18 settembre) la voce del gesuita risuona accorata: «"La paura, la collera, lo scoraggiamento, l’angoscia mi hanno accompagnato. Ho provato inoltre, dopo questi giorni difficili, un bisogno di meditazione, di distanza contemplativa. Ho detto messa quando potevo… ho cercato di custodire una liturgia del cuore, una messa sul mondo, come direbbe Teilhard de Chardin"».

Il gesuita ripercorre la sua storia in Siria, fin dalla prima visita nel 1973 nella quale già aveva riportato «"l’impressione di un popolo sottomesso ad una macchina di propaganda nazionalista possente mobilitata al massimo in senso anti israeliano"». «"Sapevo – afferma Dell’Oglio – che si trattava di una dittatura e non nutrivo illusioni sul rispetto dei diritti dell’uomo in quel paese". Negli anni ’80, «"venni in contatto e a conoscenza dei metodi di sistematica tortura repressiva utilizzati dal Regime. Se volevo restare nel paese dovevo assoggettarmi come tutti. Ma non ero obbligato ad assoggettarmi in coscienza"».

Sono gli anni in cui il gesuita "scopre" i ruderi del Monastero di Mar Musa, fondato nell’XI secolo, e inizia a restaurarlo riunendo intorno a sé una comunità religiosa dedicata al dialogo con l’islamismo. «"Ero perfettamente cosciente che un continuo, silenzioso massacro avveniva nelle carceri, nei lager, nei gulag siriani. Ne avevo ricevuto in diverse occasioni delle testimonianze dirette. In questo spirito, con questi sentimenti contrastanti, eppure con molta speranza ed entusiasmo, ho vissuto nella Siria degli Assad per più di 30 anni", ricorda della sua rifondazione del Monastero di Mar Musa, diventato spazio di dialogo tra fedi, fino all’espulsione un anno fa. "Ho lavorato continuativamente nella prospettiva del successo dei negoziati di pace nella visione di un Medio Oriente riconciliato nella giustizia"» (Ansamed 18 settembre).

Ma in Medio Oriente, in Siria come in Iraq, si continua ad essere travolti dalla brutalità dei conflitti e a morire. «Siccome padre Paolo oggi non è qui con noi – annota Zenit (18 settembre) – il modo migliore di presentare il suo libro è attraverso le sue parole cominciando da quelle che ha scritto in una mail per la scelta della foto di copertina: “

  • 1
  • 2
Tags:
padre paolo dall ogliorecensioni di librisiria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni