Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconStile di vita
line break icon

“Meno cibo e più pace”: la preghiera in famiglia per il 7 settembre

Chiara Santomiero - pubblicato il 04/09/13

La proposta del Pontificio Consiglio per la famiglia di trovarsi nelle case, piccoli e grandi, per riflettere sul dono della pace

Una proposta a tutte le famiglie per vivere insieme in casa, senza dimenticare nonni e anziani, attraverso il digiuno e la preghiera, la comunione con Papa Francesco che ha invitato tutti sabato 7 settembre a pregare per la pace in Siria, in Medio Oriente e in tutti i luoghi di conflitto: è quella formulata dal presidente del Pontificio Consiglio per la famiglia, mons. Vincenzo Paglia, che ha spiegato ad Aleteia le ragioni dell'iniziativa.

Se dovessimo racchiudere questa iniziativa in uno slogan quale potrebbe essere?

Mons. Paglia: "Meno cibo e più pace". E' l'invito a raccogliere l'appello di Papa Francesco per portarlo in tutte le famiglie coinvolgendo i piccoli e i nonni per una risposta al bisogno di pace che essi stessi, prima di tutti gli altri, possono sentire. E', ancora, l'invito rivolto in varie lingue a tutte le famiglie del mondo – a partire da quelle che credono – perchè non abbiano timore a riempire di più il loro cuore di parole di pace. E' significativo che i nonni, molti dei quali hanno visto la guerra, abbiano il tempo e la disponibilità dell'ascolto per raccontare gli orrori dei conflitti. Insieme, se credenti, si pregherà il Signore affinchè questa piaga scompaia dalla faccia della terra.

Si tratta anche di un invito alla famiglia a ritrovarsi in maniera più consapevole, meno frettolosa di quanto può avvenire quotidianamente?

Mons. Paglia: E' così: il nostro invito vuole proprio sottolineare il legame stretto che c'è tra la pace tra le mura di casa, nei rapporti familiari e quella tra i popoli del mondo. Se è vero che la pace non è solo assenza di guerra ma capacità di convivere tra i diversi, questa capacità va appresa fin da piccoli, nel contesto familiare. In questo senso, la consapevolezza dei drammi della guerra rende più consapevoli della preziosità della pace. C'è bisogno di un nuovo slancio morale così che il grido che viene dai paesi in guerra non venga soffocato dal clamore egoista delle società opulente. Sogno per sabato prossimo una sorta di sovrabbondanza di pensieri di pace nelle case, nelle famiglie. Il digiuno dal cibo dovrebbe favorire sovrabbondanza di conoscenza, di speranza, di parole di futuro.

Tra pochi giorni inizierà a Torino la 47 ^ Settimana sociale dei cattolici proprio sul tema della famiglia: qual è l'aspettativa del suo dicastero verso questa iniziativa?

Mons. Paglia: Siamo molto interessati al fatto che la Chiesa italiana rifletta su un tema così delicato che si trova in mezzo tra due opposti: una indiscussa sete di famiglia e la sua drammatica svalutazione. Occorre tuttavia non dimenticare che è ancora alto il numero delle famiglie che costituiscono una vera risorsa per il Paese e hanno un forte bisogno di essere sostenute. Auspico che dalla Settimana sociale di Torino la famiglia torni ad essere al centro della riflessione nella politica, nell'economia, nella cultura e nella pastorale della Chiesa.

Quali saranno le prossime iniziative proposte dal Pontificio Consiglio per la famiglia?

Mons. Paglia: Nell'immediato abbiamo due iniziative di studio di grande interesse a Roma: dal 19 al 21 settembre si svolgerà un convegno internazionale di giuristi sui diritti della famiglia, mentre a metà novembre è previsto un convegno sulla crisi della comunicazione tra le generazioni. L'impegno più rilevante riguarda tuttavia il grande pellegrinaggio mondiale delle famiglie sulla tomba di San Pietro e l'appuntamento con Papa Francesco che avranno luogo il 26 e 27 ottobre prossimi. Due giorni di preghiera, comunione e festa ai quali attendiamo tutti con grande gioia!

Tags:
famigliapacepapa francescopellegrinaggio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni