Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 20 Settembre |
Notre Dame de la Salette
home iconChiesa
line break icon

Sono un non credente, ma se prego e mi pento dei peccati Dio mi perdona?

© luxorphoto/SHUTTERST OCK

padre Angelo Bellon, o.p. - Amici Domenicani - pubblicato il 28/08/13

5. Un’altra tua asserzione che va corretta è la seguente: “Trovo un’assoluta impossibilità a conciliare la mia mentalità razionale e pragmatica con l’idea di Dio, che trovo astratta e che non riesco a ricondurre ad alcun dato di esperienza”.
Se per esperienza intendi ciò che si vede con gli occhi e si tocca con le mani, ti do ragione.
Perché se Dio si potesse vedere con gli occhi e se si potesse toccare con le mani non sarebbe più Dio.
È proprio la ragione che assicura questo.
Come potrebbe Dio essere infinito se avesse un corpo?

6. Quando i sovietici, che grazie a Dio oggi non ci sono più, sono andati nello spazio con lo sputnik, hanno detto di essere andati in cielo e di non aver visto Dio. E così pensavano di rinforzare l’ateismo.
Ma un Dio di tal fatta non esiste, non sarebbe Dio.
Più intelligentemente Giobbe, vissuto nell’Antico Testamento, aveva detto: “Senza questa mia carne io lo vedrò” (Gb 19,26).
Se Dio è spirituale, solo ciò che è spirituale ha la capacità di vederlo.
Solo con l’occhio dell’intelletto o dell’anima lo si può conoscere, non con l’occhio corporale.

7. Un uomo di scienza come Enrico Medi, che commentò in diretta alla televisione italiana lo sbarco dei primi uomini sulla luna, ha scritto: “Una grande parola dice la fisica d’oggi che forse in altri tempi non si poteva dire. La materia ci si presenta ordinata, in perfetta razionalità fin nelle sue più intime e profonde strutture, fino al limite estremo della sua costituzione prima; per cui non ha senso pensare ad una materia amorfa, poi ordinata: ma è una materia che non può essere se non costituzionalmente ordinata. Chi l’ha ordinata, l’ha anche creata, l’ha ordinata creandola, l’ha creata nell’ordine. Creatore e Ordinatore sono Uno solo, dice la scienza; non poteva ordinare l’intimo essere se non Chi lo creava” (E. Medi, Il mondo come lo vedo io, p. 23).

8. Certo la scienza, come è intesa oggi, coglie solo ciò che è sensibile e pertanto non può appurare l’esistenza di Dio che è sovrasensibile.
Alla scienza del resto sfuggono anche i pensieri e i desideri umani. Nessuno li può captare direttamente nella mente di una persona, neanche con i mezzi più sofisticati.
Ma lo scienziato rimane sempre un uomo che può andare al di là della scienza e porsi le domande dei filosofi e anche dei teologi.
E alla luce di queste discipline, diverse dalla scienza, può cogliere con certezza sia l’esistenza di Dio sia alcune sue perfezioni.

9. Mi piace citare ancora Erico Medi: “Scienza e filosofia non si confondono, ma non si contraddicono. L’uomo non è fatto a cassetti: qui il fisico, là il religioso, il politico, il filosofo.
L’uomo è uno ed ha delle cose una concezione unitaria: distinta, ordinata, ma armonica.
Ha dei principi che reggono il pensiero e l’opera; se sono principi di verità non lo fanno schiavo, ma libero….
Quindi anche nella scienza, l’uomo che ha dentro di sé principi superiori di infallibile certezza divenuti vita della sua vita, può osservare più sapientemente il mondo che lo circonda e muoversi con piena serenità da più panoramiche posizioni” (Ib., p. 30).

10. Detto questo, per non farla troppo lunga, vengo alla tua domanda diretta: “Può realizzarsi un vero pentimento per i propri peccati pur senza credere nel Signore quindi il dispiacere per il dolore a Lui provocato con la nostra condotta?”.
Sì, uno può concepire un vero pentimento dei propri peccati, anche a prescindere dall’esistenza di Dio e dalla morte redentrice di Cristo.
I peccati, almeno alcuni, sono violazione della legge naturale, sono violazione del rispetto dovuto alle persone.
Se uno con il proprio comportamento automobilistico causa la distruzione di un’intera famiglia come potrebbe non provarne dispiacere e pentimento?
Anche un ateo può avere vero pentimento.

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
ateismofedepeccato

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
PAURA FOBIA
Cecilia Pigg
La breve preghiera che può cambiare una giornata stressante
4
Gelsomino Del Guercio
La Madonna nera è troppo sfarzosa: il parroco la “spoglia”. Ed è ...
5
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
6
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
7
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni