Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconChiesa
line break icon

Papa Francesco torna ad Aparecida, dove tutto ha avuto inizio

ADRIANO LIMA

Andrea Tornielli - Vatican Insider - pubblicato il 24/07/13

Nel Santuario dedicato alla Vergine nera nel 2007 i vescovi latinoamericani stilarono un documento che contiene la bussola dell'attuale pontificato

di Andrea Tornielli

La Chiesa deve «liberarsi di tutte le strutture caduche che non favoriscono la trasmissione della fede». È ciò che si legge al numero 365 del documento finale di Aparecida, il santuario mariano più importante del Brasile, dove sei anni fa si svolse l’ultima assemblea generale dell’episcopato latinoamericano. Un appuntamento che ha consacrato a livello continentale la leadership dell’allora arcivescovo di Buenos Aires Jorge Mario Bergoglio e ha trasformato quel documento in un manifesto programmatico del pontificato.

Francesco ha voluto significativamente aggiungere una tappa del suo viaggio brasiliano in questo santuario e oggi sarà qui, nella grande basilica dove si venera una statuetta della Madonna nera alta 40 centimetri, ritrovata in tre pezzi nell’ottobre 1717 nel fiume Paraiba da tre pescatori. La tradizione sostiene che è nera perché vuole rimanere accanto agli oppressi e il fatto di essere stata pescata in pezzi ricordava la vita spezzata dalla schiavitù.

La riunione dei vescovi latinoamericani nel 2007 fu la prima assemblea tenuta in un santuario mariano e l’essere quotidianamente a contatto con i fedeli – ogni anno sono milioni – secondo Bergoglio aveva condizionato i lavori dei vescovi, facendo loro comprendere l’importanza della devozione e della pietà popolare. «Celebrare l’eucaristia insieme al popolo è diverso che celebrarla tra noi vescovi separatamente. Questo ci ha dato vivo il senso dell’appartenenza alla nostra gente, della Chiesa che cammina come popolo di Dio, di noi vescovi come suoi servitori».

Il documento finale, spiegava il futuro Papa, «per la prima volta» non partiva «da un testo base preconfezionato ma da un dialogo aperto», per «ricevere quello che veniva dal basso». I vescovi dell’America Latina impararono a conoscere in quelle settimane il modo di lavorare del cardinale Bergoglio. La sua capacità di ascoltare e di armonizzare gli interventi. Alcuni di quei vescovi sarebbero diventati suoi elettori nel conclave del marzo scorso. Si può dire che l’elezione di del Papa scelto «dalla fine del mondo» abbia avuto inizio qui.

Il documento di Aparecida contiene le parole chiave e i messaggi che ora Francesco trasmette a tutta la Chiesa. A partire dall’invito alla missione: «Per rimanere fedeli bisogna uscire. Rimanendo fedeli si esce. Questo dice in fondo Aparecida», sintetizzava Bergoglio. «Nel Vangelo», ripeteva il cardinale francescano Aloísio Lorscheider, oggi scomparso, che qui fu arcivescovo, «gli incontri più belli di Dio con l’umanità avvengono sulla strada. Secoli di storia di cristianesimo vissuto non ci dicono altro». Da quei testi emerge l’immagine di una Chiesa che dà il primato alla misericordia, che cerca di facilitare la fede delle persone più che avere i problema di regolarla, e che vuole essere vicina a chi soffre «come una madre». Una Chiesa missionaria libera dalla burocrazia e dalle strutture inutili, che si presenta con un volto gioioso e misericordioso, e non con «evangelizzatori tristi, impazienti e ansiosi».

E anche quell’esplicito riferimento alla necessità di liberarsi delle strutture inutili, che non servono a trasmettere la fede, ma possono finire per ostacolarla, è diventato un leit-motiv del pontificato, con il Papa latinoamericano impegnato a riformare la Curia romana a partire dai suoi organismi economico-finanziari, come lo Ior.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
gmggmg di rio de janeiroiorsantuario di aparecida
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni