Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconChiesa
line break icon

Servono i miracoli per diventare santi? “L’eccezione” di Giovanni XXIII

KNA-Bild/CIRIC

Chiara Santomiero - pubblicato il 17/07/13

La vastità del culto liturgico già reso al Papa buono e il “santo subito” dei padri del Concilio Vaticano II hanno dispensato Roncalli dal secondo miracolo

Sarebbe bastata la notizia che Giovanni Paolo II diventava ufficialmente santo per la Chiesa insieme a Giovanni XXIII per fare il giro del mondo suscitando l’interesse generale, ma la particolarità che per il “Papa buono” il suo successore Francesco abbia deciso di “soprassedere” sul secondo miracolo prescritto per la canonizzazione ha stimolato ulteriormente la curiosità.

Ma quali sono le regole in materia? E quella di papa Roncalli è un’eccezione in senso stretto? I due miracoli sono in verità una relativa novità nella storia della Chiesa, introdotti solo cinque secoli fa dai papi Sisto V (1585-1590) e Urbano VIII (1623-1644), che stabilirono le moderne procedure di canonizzazione. Per i quindici secoli precedenti, la regola dei due miracoli non valeva. Anzi, da Pietro sino a Costantino, tutti i vescovi di Roma sono stati considerati martiri e per questo Santi.

La situazione cambia nei secoli successivi: nei duecento anni successivi a Costantino i pontefici dichiarati Santi sono stati ben venti. Ma poi il black out. Nel Medioevo infatti solo un successore di Pietro fu canonizzato: Celestino V. Dopo tre secoli, nel 1606 Paolo V canonizzò Gregorio VII; quindi la serie riprese alla fine del 1800, al termine del potere temporale della Chiesa.

Il Post (6 luglio) ricorda che, attualmente, secondo la Costituzione apostolica Divinus Perfectionis Magister, promulgata nel 1983 da Giovanni Paolo II, il processo per diventare santi, cioè la canonizzazione, richiede diverse condizioni e passaggi: «Il candidato dev’essere morto da almeno cinque anni (a meno che non ci sia una dispensa del Papa, come ha fatto Benedetto XVI per Giovanni Paolo II), deve essere già stato proclamato Servo di Dio e poi Beato e gli devono essere riconosciuto almeno un miracolo, se è morto martire, o due, se non è stato martirizzato».

E allora Roncalli? Come fa a diventare santo se gli “manca” un miracolo? La parola definitiva al vaticanista Andrea Tornielli che su Vatican Insider (15 luglio) spiega come questo potrà avvenire. Se molti ricordano la richiesta di “santo subito” avvenuta durante i funerali di Giovanni Paolo II, in pochi sanno che qualcosa di simile è avvenuto anche per Giovanni XXIII. «Nel pieno dei lavori conciliari – racconta la giornalista Stefania Falasca su Avvenire – il teologo Yves Congar scriveva nel suo diario che il cardinale belga Lèon Joseph Suenens voleva concludere l’intervento sullo schema «De Ecclesia» richiedendo una canonizzazione per acclamazione di Giovanni XXIII. “Un obiettivo questo – scriveva Congar – da ottenere subito”». Una richiesta condivisa da molti altri padri conciliari e da folle di fedeli in lacrime per la scomparsa del pontefice di Sotto il Monte.

Il 5 luglio scorso Papa Francesco ha promulgato il decreto sul miracolo per intercessione del beato Giovanni Paolo II e contemporaneamente ha approvato i voti favorevoli espressi dalla Sessione ordinaria dei cardinali e dei vescovi per la canonizzazione «pro gratia» del beato Giovanni XXIII. «Ciò vuol dire – scrive Avvenire – che papa Bergoglio ha accolto favorevolmente le motivazioni presentate dalla Congregazione dei santi su istanza della postulazione della causa di Giovanni XXIII, per poter procedere alla sua canonizzazione pur in assenza di un miracolo formalmente riconosciuto, come avviene di prassi per arrivare alla proclamazione della santità».

La possibilità di proclamare la santità anche in assenza di un miracolo scientificamente e teologicamente dimostrato, conferma Avvenire, non è una novità assoluta: si tratta piuttosto di «un’eccezione ma contemplata nella prassi, che ha avuto diversi precedenti».

  • 1
  • 2
Tags:
giovanni xxiiimiracolisanti e beati
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni