Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

La bellezza come valore “non negoziabile”

© DR
Condividi
Commenta

Senza una corretta arte è difficile veicolare i giusti valori

Come è stato più volte ripetuto anche all’interno dell’ultimo Sinodo dei Vescovi, l’arte è uno strumento efficace per la nuova evangelizzazione, così come è sempre stata un mezzo di trasmissione ed educazione alle Fede nel corso dei secoli. La riflessione sulla fisionomia dell’arte sacra, per la quale i documenti del Vaticano II offrono risposte profonde, impone anche la considerazione di una questione connessa, che forse è la più urgente da affrontare, ovvero la questione della formazione del clero, del popolo, degli addetti ai lavori e degli stessi artisti. Si tratta di una questione in definitiva didattica.

Il Concilio Vaticano II, e in modo particolare la Costituzione sulla Sacra Liturgia Sacrosanctum Concilium, prescrive che ci siano insegnamenti di storia dell’arte, filosofia dell’arte, teologia dell’arte e arte cristiana nei Seminari minori e maggiori, e nelle Facoltà di Filosofia e nelle Facoltà di Teologia. Inoltre, nei documenti conciliari si parla costantemente di formazione non solo del clero, ma anche dei laici, i quali possono studiare sia negli Atenei Pontifici, sia negli Istituti di Scienze Religiose delle varie Diocesi. Occorre riconoscere, che a cinquanta anni dal Concilio, questo aspetto risulta ancora abbastanza disatteso. Rimane ancora tanto lavoro da fare, negli ambiti della istituzione di cattedre di arte, filosofia dell’arte, estetica nelle Facoltà di Filosofia, e cattedre di Teologia dell’arte, Arte sacra e Storia dell’arte cristiana nelle Facoltà di Teologia e Liturgia, ed anche nell’ambito giuridico insegnamenti del diritto nelle questioni dell’arte sacra e della liturgia, ed anche, nell’ambito missiologico, insegnamenti sul rapporto tra cristianesimo e altri “sistemi d’arte” legati ad altre tradizioni religiose.

La generale trascuratezza dell’aspetto artistico nella formazione filosofico-teologica, viene in genere attribuita a due fattori principali, il primo fa riferimento alla opportunità e l’altro alla competenza di tali insegnamenti. La questione della opportunità – e cioè l’interrogativo se sia opportuno inserire tali insegnamenti nei curricula – si colloca nell’orizzonte di una visione efficentista della formazione del clero e del popolo di Dio, si dice cioè che i seminaristi, avendo innumerevoli cose cui attendere, non hanno tempo da dedicare all’arte, considerata marginale e meno utile.

La questione della competenza – e cioè la domanda se la Chiesa possieda competenze in ambito artistico – invece presuppone, implicitamente e surrettiziamente, che l’arte abbia un suo proprio statuto autonomo e dunque non possa istituire relazioni sostanziali con il cristianesimo. Entro questo presupposto, non servirebbe formare artisti e clero alle questioni estetiche e artistiche, perché sarebbe sufficiente accogliere quanto si produce in ambito artistico nel mondo, indipendentemente dalla fede cristiana, e infiltrarlo dentro il discorso cristiano. Secondo questa posizione, la Chiesa non avrebbe competenze proprie da rivendicare nell’ambito dell’arte, neanche quella sacra, ma dovrebbe solo ascoltare quello che il mondo produce, senza intervenire.

In verità, proprio i documenti del Magistero, in primis la Sacrosantum Concilium, ma anche il Catechismo della Chiesa Cattolica e persino il Codice di Diritto Canonico, propongono visioni che superano entrambe le questioni, se correttamente letti. Un primo dato su cui riflettere è che la questione dell’arte viene sovente ridotta solo a una questione stilistica, trascurando tutti i suoi complessi e ramificati livelli di studio, dimenticando le discipline elaborate nel corso del tempo per affrontare in maniera olistica un fenomeno complesso quale il mondo delle arti.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni