Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda
home iconChiesa
line break icon

Cosa succede con l'inizio della sede vacante?

Mirko Testa - pubblicato il 28/02/13

Il governo della Chiesa passa immmediatamente alla Camerca apostolica

Allo scoccare delle 20 di questo giovedì, termine della giornata lavorativa del pontefice, scatta tecnicamente il periodo della sede vacante anche se ufficialmente avrà inizio il 1° marzo. Si tratta, però, di una situazione inedita in quanto la Costituzione apostolica Universi Dominici Gregis che detta le norme per la vacanza della sede apostolica e l'elezione del romano pontefice – pur ammettendo la possibilità della rinuncia al ministero petrino – è pensata a partire dalla morte del pontefice.


A quell'ora, comunque, decadranno dal loro incarico il segretario di Stato, i presidenti, i prefetti e i membri di tutti i dicasteri vaticani. Resteranno per l'ordinaria amministrazione solo il camerlengo (l'attuale segretario di Stato, il cardinale Tarcisio Bertone) così come il sostituto della segreteria di Stato (monsignor Angelo Giovanni Becciu), il segretario per i rapporti con gli Stati (monsignor Dominique Mamberti) e i segretari dei Dicasteri vaticani. Resteranno nel loro ruolo anche il decano del Collegio cardinalizio (Angelo Sodano), che però non entrerà in Conclave avendo più di 80 anni, il penitenziere maggiore (il cardinale Manuel Monteiro de Castro), il cardinal vicario per la diocesi di Roma (Agostino Vallini), il cardinale arciprete di San Pietro (Angelo Comastri), l'elemosiniere di Sua Santità (mons. Guido Pozzo) e il cerimoniere pontificio (mons. Guido Marini), così come i nunzi e i delegati apostolici.


Al camerlengo spetterà il compito di sigillare l'appartamento pontificio, di prendere possesso del Palazzo apostolico, di curare e amministrare, col consenso dei cardinali nei casi più gravi, i beni e i diritti temporali della Santa Sede.


La “macchina” della Chiesa non si fermerà completamente: gli uffici legati alle attività caritatevoli o agli aspetti sacramentali così come i tribunali continueranno a funzionare come di consueto.

Secondo quanto affermato ad Aleteia dal prof. Eduardo Baura, docente di Diritto canonico alla Pontificia Università della Santa Croce e consultore della Congregazione per i Vescovi, “il governo della Chiesa in questa primissima fase sarà affidato alla Camera apostolica composta dal camerlengo, dal suo vice e dagli uditori, almeno finché non si costituiranno le congregazioni generali dei cardinali a cui verrà affidato il timone per il periodo successivo”.


Sabato mattina, quindi, il decano del collegio cardinalizio convocherà formalmente tutti i cardinali a Roma affinché possano iniziare al più presto le congregazioni generali, previste per lunedì 4 marzo. Sarà poi sempre lui a stabilire l'agenda con i temi all'ordine del giorno delle congregazioni generali.


In questo periodo, ha specificato il prof. Baura,“le congregazioni generali non avranno potestà legislativa, non avranno facoltà di abrogare, potranno solo interpretare le norme già esistenti. Le questioni ordinarie verranno affrontate dai cardinali riuniti in congregazione generale – alla quale potranno partecipare tutti i cardinali, compresi anche gli ultraottantenni senza diritto di voto -, o in congregazione particolare per le questioni più pratiche, composta dal cardinale camerlengo oltre a tre porporati scelti dai tre ordini cardinalizi (vescovi, presbiteri, diaconi), che derivano la loro denominazione dalle suddivisioni medievali del clero di Roma, e che rimangono in carica per tre giorni".

E' durante le congregazioni generali inoltre che ha luogo una sorta di pre-Conclave, in cui si riflette sulle sfide che interpellano la Chiesa e su quale potrebbe essere il profilo ideale del futuro papa.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
cardinalipapabili
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni