Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano
News

Aborto, Ru-486, pillola del giorno dopo: un diritto o una deriva?

Mirko Testa - pubblicato il 21/02/13

I temi della politica alla luce della dottrina sociale della Chiesa

Terza puntata di Question Time, lo spazio di riflessione e approfondimento dove i candidati cattolici si confrontano sui temi caldi della politica.

Questa volta parliamo di aborto, un nodo cruciale per lo più disertato durante la campagna elettorale e lo facciamo con i seguenti politici: Lucio Romano, medico e docente universitario di Bioetica e Ginecologia ed Ostetricia (Università Federico II di Napoli), candidato al Senato per Scelta civica con Monti per l'Italia; Giuseppe Fioroni, laureato in Medicina e Chirurgia con specializzazione in Medicina interna, candidato alla Camera per il Partito Democratico; ed Eugenia Roccella, già sottosegretario di Stato al Ministero della Salute, candidata alla Camera per il Popolo della Libertà; Il commento finale è stato affidato a Salvino Leone, medico chirurgo, specialista in Ostetricia e Ginecologia e presidente dell’Istituto di Studi Bioetica “Salvatore Privitera” di Palermo.

Secondo l'on. Roccella, non è pensabile toccare la Legge 194, va solo applicata correttamente attraverso delle apposite linee guida incentrate su alcuni punti nevralgici come il limite temporale per l'aborto oltre i 90 giorni. Toccando il tema della Ru-486 parla poi di un “progetto politico” usato per scardinare attraverso l'aborto a domicilio alcuni paletti fondamentali proprio della Legge 194. Infine, rilancia una sua vecchia proposta del 5 per mille pro-life, cioè di un 5 per mille per i centri di aiuto alla vita, per le associazioni che concretamente aiutano le donne in situazioni di fragilità, di maternità difficile, affinché riescano a superare queste difficoltà e ad accettare la gravidanza.

Per il prof. Romano, la Legge 194 “deve essere rideclinata nella sua totalità, in quanto è stata da sempre disattesa tutta la parte che si riferiva alla prevenzione”. Nella Ru-486 vede la deriva legata alla “privatizzazione dell'aborto” e si impegna a promuovere il valore della dignità di ogni vita umana come patrimonio comune, anche attraverso “un'obiezione di coscienza attiva, vale a dire propositiva per l'aiuto nei confronti delle donne”.

Anche per l'on. Fioroni la Legge 194 va attuata in tutte le sue parti in vista di una “paternità e maternità responsabili”, attraverso tutto il sostegno e l'aiuto alla vita, affinché la donna possa liberamente decidere senza essere pressata dagli aspetti economici. Sulla Ru-486 ritiene, invece, che i Parlamenti non si debbano occupare delle ricette mediche e che gli unici ad avere voce in capitolo sullo stato di sicurezza di una determinata sostanza siano le autorità sanitarie.

Nel tirare un po' le somme, il prof. Leone ha evidenziato la necessità reale di potenziare l'applicazione di tutti gli articoli della Legge 194, in particolare di quelli riguardanti la prevenzione, l'uso dei centri di aiuto alla vita, la valorizzazione delle strutture di volontariato. Allo stesso tempo, però, ha tenuto a precisare che il problema dell'aborto volontario non può essere affrontato esclusivamente per via legislativa, sulla scia della deriva tutta italiana di “una giuridicizzazione dell'etica”. Occorre, infatti, promuovere “un cambiamento di cultura, di mentalità, di atteggiamento”.

Per quanto riguarda la Ru-486, il prof. Leone ha ribadito che si tratta di un metodo abortivo a tutti gli effetti, ma che occorre prudenza nel fare facili assimilazioni tra questa e la cosiddetta pillola del giorno dopo, che potrebbe non funzionare come un vero e proprio abortivo.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni