Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

“Truffatori vestiti da sacerdoti hanno celebrato messa in case private”

KSIĄDZ W KAJDANKACH
Daniel Jedzura | Shutterstock
Condividi

Allarme a Matera. La parrocchia corre ai ripari e dà lezioni anti-truffa agli anziani

«E’ successo anche che i truffatori si siano spacciati per sacerdoti, celebrando anche la Messa in case private»: è quanto è emerso, a Matera, durante la conferenza stampa di presentazione della campagna di sensibilizzazione contro le truffe che è iniziata nei giorni scorsi a Matera.

Il programma – quattro incontri in altrettante parrocchie, dal 29 novembre all’11 dicembre – è stato illustrato dal questore di Matera, Luigi Liguori, e dall’arcivescovo di Matera-Irsina, monsignor Giuseppe Caiazzo (Ansa, 28 novembre).

BUSINESSMEN
By buritora | Shutterstock

Le truffe più diffuse

Il Questore Liguori ha informato che in provincia di Matera, nel 2019, si registrano 31 segnalazioni per truffe, attuate mediante raggiri di vario tipo per lo più presso le abitazioni di persone anziane, soggetti più vulnerabili. Si registra però un forte sommerso perché spesso le vittime preferiscono non denunciare la truffa subita.

Rispetto al passato, se da un lato i truffatori sono diventati più abili e raffinati, dall’altro riescono più facilmente a colpire poiché fanno leva sui bisogni della gente, di chi soffre la solitudine o ha paura. Tra le truffe più frequenti, i falsi dipendenti dei vari Enti, le finte eredità, i falsi incidenti accaduti a parenti.

Danno umano ed economic

Il Vescovo Don Giuseppe Caiazzo, ha soggiunto che spesso, in base alle testimonianze raccontate, le truffe, oltre a provocare un danno economico, feriscono profondamente le persone colpite tanto da ingenerare un senso di vergogna in merito a quanto accaduto.

I truffatori le studiano tutte: è successo anche che si siano spacciati per sacerdoti celebrando anche messa in case private . E’ un emergenza sempre più sentita e pertanto, ha aggiunto il Vescovo, la Diocesi ha accolto molto favorevolmente la richiesta di collaborare a questa iniziativa considerata davvero concreta.

Gli incontri

Gli incontri si stanno svolgendo, non a caso, in alcune Parrocchie della città. In tali occasioni, aperte a tutti, ovviamente anche a persone appartenenti a fedi religiose diverse, personale specializzato della Questura fornisce consigli preziosi per prevenire rischi e pericoli “in casa e fuori casa” e illustra i principali modus operandi dei truffatori, frutto dell’esperienza acquisita.

In particolare, si ricorda ai soggetti presi di mira di non esitare a segnalare tempestivamente alle Forze di Polizia i tentativi di truffa di cui sono vittime. Prossimi appuntamenti il 9 dicembre alll’Addolorata e l’11 dicembre all’Annunziata (La Gazzetta del Mezzogiorno, 28 novembre).

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni