Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“In caso di infermità o impedimenti gravi rinuncio al pontificato”

PAUL VI
Giancarlo GIULIANI I CPP I CIRIC
Le Pape Paul VI.
Condividi

Pubblicata una lettera inedita di Paolo VI in cui si dice pronto – a determinate condizioni – ad abbandonare la guida della Chiesa

E’ il 2 maggio 1965. Paolo VI scrive una lettera al Decano del Collegio Cardinalizio in cui spiega la sua intenzione, se si fosse arrivati a certe condizioni, di rinunciare al Papato

La lettera è rimasta inedita per oltre cinquant’anni. Ora è stata pubblicata da Padre Leonardo Sapienza, reggente della Casa Pontificia, nel suo libro “La barca di Paolo”, Edizioni San Paolo.

Due condizioni per le dimissioni

Paolo VI l’ha indirizzata al decano del Collegio Cardinalizio, spiegando che «nel caso di infermità, che si presuma inguaribile, o di lunga durata, e che ci impedisca di esercitare sufficientemente le funzioni del nostro ministero apostolico; ovvero nel caso che altro grave e prolungato impedimento a ciò sia parimente ostacolo», di rinunciare al suo «sacro e canonico ufficio, sia come Vescovo di Roma, sia come Capo della medesima santa Chiesa cattolica».

Chi doveva rendere operative le dimissioni

In caso di dimissioni, queste ultime sarebbero state rese operative dal Cardinale Decano del sacro Collegio Cardinalizio; dai cardinali al vertice dei Dicasteri vaticani;  e dal cardinale Vicario di Roma.

Wojtyla e Ratzinger

Così dopo Pio XII che sapevamo pronto alla rinuncia per non permettere ai nazisti di rapire il Papa; di Giovanni Paolo II che poi adattò anche le norme del conclave a questa eventualità.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni