Aleteia

Cosa cerco? Chi mi apre il cammino?

Condividi
Commenta

Molte cose sono nelle mie mani, ma ho bisogno di qualcosa di più

Mi chiedo cosa cerco quando cerco Dio. Sono sempre stato un cercatore. Ho cercato il mio cammino. Il tesoro per cui vale la pena di vendere tutto. Ho guardato nella mia anima. Ho levato gli occhi al cielo. Tutti cerchiamo qualcosa che va al di là di quello che già viviamo. La nostra vita a volte è una routine e aneliamo a qualcosa di più.

In questo Avvento cammino cercando Dio, cercando la mia verità, desidero di più. Penso a Gesù. Voglio essere buono, mite, pacifico, come è stato Lui. Guardo Giovanni il Battista che apre i cuori degli uomini con le sue parole. Voglio cambiare.

So che ci sono molte cose che posso cambiare: “Posso decidere come trascorro il tempo, con chi mi relaziono, con chi condivido la mia vita, il mio denaro, il mio corpo e la mia energia. Posso selezionare quello che mangio, leggo e studio. Posso stabilire come reagirò di fronte alle circostanze sfavorevoli della vita; se le considererò maledizioni o opportunità. Posso scegliere le parole che uso e il tono della voce che impiego per parlare con gli altri. E al di sopra di tutto, posso scegliere i miei pensieri” [1].

LEGGI ANCHE: 4 virtù da conquistare in questo Avvento. Iniziamo dalla temperanza

Molte cose sono nelle mie mani, e da queste dipendono molte altre cose. Ma so che ho bisogno di qualcosa di più. Devo volgermi a Dio per cambiare dentro. Per vivere di più in Lui.

So che Gesù ha amato i peccatori senza condizioni. Non ha chiesto come premessa il cambiamento del cuore. Gesù ha amato senza misura. Si è mescolato a tutti.

L’annuncio è sempre meno di Dio stesso. La speranza di Giovanni è stata del tutto superata da Gesù. Ma quella voce nel deserto era necessaria. Per risvegliare nell’anima il desiderio. Per esortarmi a cercare di più. Per uscire dal deserto e guardare il cielo. Per vedere la vita nella sua verità. Per imparare a chiedere perdono. Per guardare il cuore e rendermi conto di quanto ho bisogno di Dio.

Giovanni mi apre il cammino. Mi aiuta a cercare Dio. A vedere quanto ho bisogno di cambiare il mio cuore per stare con Gesù. Mi esorta a desiderare che arrivi presto e tocchi la mia vita, cambiandola per sempre.

[1] Elizabeth Gilbert, Mangia, prega, ama

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

LEGGI ANCHE: Perché l’Avvento? Lo sposo sta arrivando, e sarà per sempre

Questa storia ha come tag:
avventogesùgiovanni battista
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni