Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
home iconStile di vita
line break icon

Possiamo assaporare la felicità senza avere paura di perderla?

PICNIC, MOTHER, KIDS

iordani | Shutterstock

Edifa - pubblicato il 28/10/19

“Troppo bello per essere vero!”. Questa è spesso la nostra reazione quando va tutto bene nella nostra vita (fin troppo bene, secondo noi), come se la felicità ci spaventasse e volessimo scongiurare un brutto destino, immaginando il peggio per non rimanere delusi. Ma perché abbiamo così paura di essere felici? Come possiamo liberarci da questa sensazione di timore? 

di Christine Ponsard 

Dio ci ha creato perché possiamo essere felici. La sofferenza rimane quindi uno dei più grandi misteri della nostra vita. La fede, in un certo senso, rende questo mistero ancora più opaco: se Dio non esiste, la sofferenza è inevitabile, ma se Dio è amore, come può tollerarla? Allora potremmo essere tentati di barattare con Dio dicendogli: “Ti do questo se Tu mi dai quello”, come se si trattasse di ammaestrare una specie di divinità onnipotente, pronta a farci del male. Ma Dio è nostro Padre: non desidera la nostra infelicità e ci libera sempre dal male, qualunque sia il suo volto o aspetto. Lui, più di chiunque altro, vuole che siamo felici, e nessuno, al di fuori di Lui, può renderci profondamente tali.

Avendo timore di una prossima eventuale sciagura, tendiamo a diffidare di Dio e invece di riporre la nostra fiducia in Lui, la riponiamo in altri tipi di credenze. Non osiamo abbandonarci totalmente nelle sue mani e affidargli tutto, le persone che amiamo e ciò che ci sta a cuore, perché abbiamo paura che se ne “approfitti”. Naturalmente, Dio se ne “approfitta” di ciò che gli affidiamo, ma ne fa buon uso, non per Lui, ma per noi. Non per privarci di qualcosa, come cerca di persuaderci astutamente il nemico, bensì per liberarci. Quando rimaniamo aggrappati alla felicità, non la assaporiamo veramente perché la nostra paura di perderla ci invade.


WOMAN, FLOREAL, DRESS

Leggi anche:
4 punti chiave che vi permetteranno di raggiungere la vera felicità

Lasciarsi guidare da Dio 

Se mettiamo la nostra vita nelle mani di Dio, questo non ci impedirà di vivere periodi di sofferenza o di difficoltà, ma non avremo più paura della notte. “Anche se vado per una valle oscura, non temo alcun male, perché tu sei con me. Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza” (Salmo 22). Il Signore ha grandi progetti per i suoi figli: non vuole darci semplicemente qualche briciola di felicità, ma vuole colmarci della Sua felicità. Questa felicità non è di questo mondo, ma ci è fatta assaporare, attraverso la sofferenza, già in questo mondo.

Più siamo capaci di accogliere la vera felicità, più siamo felici in profondità. Tuttavia, quando va tutto bene, può capitare di perdere il desiderio di questa vera felicità, e di accontentarci di qualche felicità effimera e passeggera che non ci soddisferà mai veramente. Ma se cerchiamo la vera felicità, Dio si unirà a noi anche nei momenti più oscuri e difficili della nostra vita, e ce la offrirà. È una strada misteriosa, che contraddice tutte le nostre idee sulla felicità: è la Via Crucis. Ma questa via conduce sempre alla Resurrezione.

Quando la nostra felicità sulla Terra è come un riflesso della felicità del Cielo, il nemico ci sussurra: “È troppo bello per durare”. Ma è vero il contrario: è il male che è “troppo brutto per durare”. Non soffochiamo in noi stessi il desiderio di felicità infinito. Cerchiamo di renderci disponibili a ciò che Dio vuole offrirci: è molto bello ed è troppo bello per finire!


girl smile mountains

Leggi anche:
6 motivi per cui probabilmente non avete raggiunto la felicità

Tags:
felicità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più