Aleteia
giovedì 22 Ottobre |
San Giovanni Paolo II
Chiesa

Balli africani in chiesa? Il teologo: no, meglio organizzarli altrove

dance, dancing, church,

Facebook - Magatte Dieng - Screenshot

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 01/04/19

Il professore Lopez Arias chiarisce sull'ondata di polemiche per un evento organizzato da una parrocchia torinese

Ha fatto discutere, nelle scorse settimane, una serata organizzata dalla parrocchia di None (Torino) dedicata ai Santi Gervasio e Protasio.

Le danze africane a cura dell’associazione Tamra, all’interno della chiesa, hanno fatto il giro del web, scatenando una serie di commenti feroci, lasciando sbigottiti parroco e volontari dell’oratorio che avevano promosso l’evento anche per raccogliere fondi per i lavori di ristrutturazione della parrocchia.

Quest’ondata di critiche al vetriolo e attacchi al sacerdote colpiscono ancora di più perché non è la prima volta che l’associazione Tamra si esibisce con le sue percussioni in chiesa a None. «C’era già stata una serata qualche tempo fa e nessuno si era lamentato» ricorda basito il parroco don Giancarlo Gosmar.

Per vedere come gli animi si siano scaldati, basta scorrere i commenti al video: «Siamo in Italia e le usanze italiane vanno rispettate. Per gli spettacoli ci sono i teatri», oppure «Inadeguato il luogo, non rispettoso per chi crede. Il problema non è certo l’etnia ma piuttosto il contenuto e l’abbigliamento. Io ricordo che alle donne chiedono un abbigliamento consono ad un luogo di culto. Mi chiedo come giustifica la cosa il parroco» (Cronacaqui, marzo 2019).




Leggi anche:
Quali regole deve rispettare un fotografo durante la santa messa?

Il Diritto Canonico

«La questione dei possibili usi dei luoghi sacri, come le chiese, viene regolato dal Codice di Diritto Canonico vigente (1983) in modo generale, ma secondo me abbastanza chiaro», premette ad Aleteia il professore Fernando López Arias, docente di Teologia Liturgica della Pontificia Università della Santa Croce.

Ci sono due canoni al riguardo

Can. 1205 – Sono luoghi sacri quelli che vengono destinati al culto divino o alla sepoltura dei fedeli mediante la dedicazione o la benedizione, a ciò prescritte dai libri liturgici.

Can. 1210 – Nel luogo sacro sia consentito solo quanto serve all’esercizio e alla promozione del culto, della pietà, della religione, e vietata qualunque cosa sia aliena dalla santità del luogo. L’Ordinario, però, per modo d’atto può permettere altri usi, purché non contrari alla santità del luogo.




Leggi anche:
E’ giusto leggere il Corano dopo la santa messa?

I concerti

«Queste sono le norme universali – prosegue il teologo – Le conferenze episcopali o i singoli vescovi possono anche dettare leggi più concrete a livello regionale o locale. Un uso occasionale, diverso dal culto divino, e abbastanza tipico delle chiese sono i concerti – evidenzia Lopez Arias – Se il tipo di rappresentazione e di musica non è in discordanza con la santità del luogo, e si fa col dovuto decoro, in generale non ci sono problemi per questo uso delle chiese».

“Meglio in altri luoghi”

Facendo riferimento al caso di None, l’esperto di liturgia sottolinea: «Quando mi è capitata una situazione simile a quella della notizia, di solito consiglio fare quel tipo di manifestazioni culturali in altri luoghi diversi dal tempio, per esempio, nei locali della parrocchia o in un altro luogo adatto (un teatro o salone usato dalla comunità del posto). Secondo me, sono luoghi più adatti per eventi di tipo culturale utili alle comunità».




Leggi anche:
Durante la messa si possono portare in chiesa animali domestici?

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
chiesaconcerto
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
ST JOSEPH,THE WORKER CARPENTER, JESUS,CHILDHOOD OF CHRIST
Philip Kosloski
L'antica preghiera a San Giuseppe che non ha ...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni