Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Il Boss che chiude i concerti con il “Padre nostro”

BRUCE SPRINGSTEEN
Condividi
di Giovanni Chichero

Mettiamo una sera ed una vecchia passione per un rocker americano … un pò di tecnologia domata grazie all’intervento di una ragazza (mia figlia) ben più preparata a destreggiarsi tra codici e collegamenti ed ecco servito Bruce Springsteen. Il non più giovanissimo artista americano, quello di The River, di Born in the USA e di Tougher Than The Rest (e tanti altri successi mondiali), ha deciso di passare qualche mese (230 date o giù di lì) in un teatro di Broadway.

Leggi anche: Bruce Springsteen: “Sono cresciuto letteralmente circondato da Dio”

Poco meno di 1.000 posti sempre tutto esaurito, due ore e mezza di canzoni e storie, la sua storia. Bruce, un palco la sua chitarra, il suo piano e la sua armonica, niente più. Anzi tanto di più. Mentre oramai stanco, non per la musica e le parole, ma per la giornata oramai finita (da tempo), la sorpresa e l’emozione più grande. Bruce sta per chiudere il concerto e dopo aver ripercorso il rapporto col padre e l’amicizia di alcuni suoi musicisti che non ci sono più, prende a parlare di un albero tagliato nel suo paese natale (sembrava dovesse esserci per sempre) e ricorda di quando bambino ripeteva suo malgrado, tutti i giorni alcune frasi, che oggi assumono per lui un diverso e più grande valore:

Our Father, who art in heaven,
hallowed be thy Name.
thy kingdom come,
thy will be done,
on earth as it is in heaven.
Give us this day our daily bread,
and forgive us our trespasses
as we forgive those who trespass against us.
And lead us not into temptation,
but deliver us from evil.
Amen.

Leggi anche: Il bambino disabile a cui Springsteen ha salvato la vita… con la sua musica

Una preghiera sussurrata intensamente, il Padre Nostro, è lì dentro, sembra voler dire, che si trova tutto il sale della nostra storia. Bruce (the Boss) ora è anche una meravigliosa testimonianza di Vita (e di quello che hanno seminato le suore di St. Rose).

Leggi anche: La Passione di Cristo…secondo Bruce Springsteen

***

QUI il concerto per chi fosse abbonato a Netflix (la preghiera a 2 ore e 23 minuti circa)

 

Qui l’articolo originale pubblicato sul blog di Costanza Miriano

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.