Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 02 Marzo |
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Nadia, ma il cancro è davvero un dono?

NADIA TOFFA

Instagram I Nadia Toffa

Paola Belletti - pubblicato il 26/09/18

Alcune frasi della presentazione del libro Fiorire d'inverno a firma di Nadia Toffa hanno scatenato reazioni accese in tutti i social e impegnato diverse penne sui giornali.

E’ un rischio fiorire d’inverno. La probabilità di finire assiderati a petali aperti è molto alta. Meglio coprirsi d’inverno, meglio covare sotto la neve. Fiorire d’inverno è il titolo dell’ultima  fatica editoriale di Nadia Toffa, edito da Mondadori, in uscita il 9 ottobre. Lo abbiamo saputo tutti, per forza. Tutti quelli nel flusso dei social. Lei stessa lo ha presentato ai suoi followers, che non coincidono affatto con i potenziali lettori, attraverso un post su Instagram.

[protected-iframe id=”51a881edcce2e15b6254d953cf6d4981-95521288-119775105″ info=”//www.instagram.com/embed.js” class=”instagram-media”]

Apriti, Cielo!

Le reazioni sono state numerose e forti. Quello che le viene più ferocemente contestato è l’accostamento indebito, per tutti o quasi, tra malattia e dono, tra la sofferenza e ciò che di bello si riceve nella vita.  Si sono arrabbiati. L’hanno accusata di superficialità e di bieco opportunismo. O al massimo di spacciare ottimismo di bassissima lega.

Lei stessa forse non sa che ciò che le dà refrigerio e forza non è frutto solo dei suoi sforzi, non dipende solo dal suo atteggiamento, che è comunque importante in certi casi è decisivo, siamo un unicum anima-corpo che non può che essere così. C’è dell’altro. Si è fermata entusiasta alla superficie e ha dato per scontato che il segreto stesse tutto lì. E forse non le dispiacerà vendere qualche migliaio di copie, ma questo non dice di sicuro tutto della sua intenzione. Le reazioni che le sono arrivate sono in molti case dure, anche crudeli. Non mancano gli insulti veri e propri. Sono rabbiose e dolenti, alcune addirittura scomposte.

Vallo a dire a chi è morto di cancro che bel dono che ha ricevuto!!; la apostrofa qualcuno. Fai scrivere libri a chi ha qualcosa da dire che non siano stronzate ottimiste da strapazzo. Rincara l’utente interstellarporcupine.

In mezzo ci sono anche messaggi di incoraggiamento e comprensione, di gratitudine addirittura per la gioia e la carica che qualcuno sente di ricevere da lei.

Ma soprattutto imperversano lunghi e dettagliati racconti di esperienze personali. In quella colonna stretta e lunga di fianco alla foto del post si assiepa una folla strana.  Di famelici per una giustizia nella quale non credono più o non ancora.  E sono amici, genitori, figli, fratelli, fidanzati, zii di bambini, donne, madri, padri, fratelli, nipoti uccisi dal cancro o sotto l’attacco interminabile di una delle sue innumerevoli forme. E si profondono in lunghe frasi senza punteggiatura, a flusso di coscienza, una coscienza agitata e febbrile.

Un ossimoro che non le vogliono perdonare: “non puoi dire che il cancro è un dono!”

Vai a dirlo ai bambini del Gaslini; corri a spiegare a quello che ha 5 anni e ha un cancro al cervello che è stato tanto tanto fortunato. Illustra bene ai genitori che forse non hanno capito quanto siano privilegiati i loro figli. Dono e cancro sono un ossimoro, non li puoi accostare. Dal cancro sarai anche guarita ma non dall’ignoranza. Suonano più o meno così i rimproveri alla sua posizione. Ok è legittima, pensa quello che vuoi, ma è offensiva, un vero affronto per tanti malati e per le loro famiglie, su questo sembrano concordare in tanti.

Il metal detector suona all’impazzata dev’esserci qualcosa sotto, qualcosa di umanamente radicale e di epocale. Radicale senza’altro perché tira in ballo la vita e la sete di felicità; sospettiamo ormai solo vagamente una sorgente alla quale abbeverarsi ma le prove che sia irrimediabilmente guastata si moltiplicano. Malattie terribili, dolori, ingiustizie, offese e poi la morte spesso così prematura!




Leggi anche:
Arianna Barbieri ha vinto il tumore: “La malattia mi ha dato la possibilità di amare la vita ancora di più”

L’ottimismo non è ancora la speranza

«Chi dice che è impossibile non dovrebbe disturbare chi ce la sta facendo».

La Toffa si appella ad Einstein, due giorni dopo la bufera addensatasi sul suo profilo e ancora in giro a far danni. Ma non si accorge forse che rimane sempre nella insostenibile posizione che tanti le contestano: non basta volerlo, cara Nadia. O meglio non è sul voler guarire dal cancro che bisogna giocare la fiche più grossa che abbiamo e che è la nostra libera volontà. E non è colpa di chi muore di cancro, del suo non averci messo tutta la carica, del suo avere sospeso la vita anziché sorridere sempre, come fai tu, dici. Dietro questi sempre si può intuire la tua paura e ne hai tutte le ragioni. La tua paura e i tuoi sforzi devono suscitare in noi compassione vera, vicinanza, sostegno. Oggi prego per te, promesso.

Il goffo ed effettivamente a tratti irritante ottimismo che trapela dalle sue parole ha come svegliato animi dolenti che non sanno più decifrare il senso del dolore ma non accettano che qualcuno lo svenda così, che lo banalizzi. Che risolva.

Non è risolto proprio un bel niente. Non è risolto il problema della morte. Nemmeno quello del cancro, e non è solo una questione di tempi: la scienza arriverà, le diagnosi saranno precocissime, le terapie mirate ed efficaci al 99,9%, le possibilità dell’editing genetico ci permetteranno cose ora impensabili. Non è quello e non sarà così, non per tutti almeno c’è da temere.

Dono è qualcosa che arriva e tu non hai chiesto né meritato

L’inviata e conduttrice de Le Iene ha incontrato il cancro sulla sua strada e ha reagito con quello che si è trovata per le mani. Ha cantato vittoria (troppo presto, la accusano), ha incitato a non mollare, a non mettere in stand by la vita “solo” per il cancro, ad andare avanti come fa lei. Sembrano gli ultimi colpi di coda della filosofia da spot motivazionale alla impossibile is nothing che sta per cedere il passo ad altro. Per ora una versione incompleta, ancora superficiale di un qualcosa che è stata costretta a scoprire; e poi con una fretta tutta social e condivisione ha deciso di raccontare. Di offrire seduta stante agli altri come una torta che però non è ancora pronta. 

In tutto questo agitarsi, manca un interlocutore all’altezza. Che c’è, invece

Certo lei dice che non sa nemmeno come andrà, che vedrà controllo dopo controllo. Sa bene che sta parlando di malattia oncologica e non di un raffreddore. Ma credo che Nadia dovrebbe ascoltarli i suoi detrattori. In un certo senso, è chiaro. Il cancro non è un dono, almeno non da solo. La malattia è brutta, il dolore duole, la prova prova. Dobbiamo prenderlo in pieno petto questo colpo e sentire il bruciore acuto che si diffonde nelle carni dalla punta di quella odiosa freccia. E poi bisogna fare una cosa, con quella freccia: estrarla e rispedirla al mittente. E’ questo che manca in tutto questo agitarsi, manca Qualcuno, manca il “donatore”. Manca un interlocutore all’altezza di questo cuore nobile e ramingo, il nostro. Ma non è Dio che dona la malattia. La permette, la valuta forse a volte necessaria, nel Suo amore; ne accetta lui per primo il prezzo (lo ha fatto) perché finalmente, accidenti, ci accorgiamo dell’unica cosa che conta: che Lui c’è e ci ama e che la vita non finisce dopo il primo tempo più o meno travagliato.

Carissima sorella che non conosco e che in tante espressioni pubbliche ha provocato in me sincero sdegno, devi affrettarti anche tu, come me, a scoprire l’unica cosa che conta. Dio è tuo Padre e ti ama. E il cancro non porta via che poi non si sa mai dove. Il cancro, quando è mortale, porta a Lui. E mentre lo si vive si può offrire ed è una cosa di inaudita potenza; e quando se ne guarisce, se non si è del tutto sprecata l’occasione, può lasciare una vita più intensa, più concentrata, più attenta. Una vita con più silenzio, pronta ad ascoltare la sola voce che in tutti questi commenti manca.

Affida te e la tua malattia a Dio, Lui saprà cosa farci. (Lo penso davvero e non giudico te né quello che puoi fare ora. Nemmeno lo posso sapere davvero, da qua. Starai facendo del tuo meglio e per questo meriti rispetto, incoraggiamento e sostegno. E poi vali a prescindere, perché sei una vita preziosa e unica).


DAVID BUGGI

Leggi anche:
“Affida la tua malattia a Dio!” David Buggi: una diagnosi feroce, una vita felice

E tu, forse per la prima volta non lo so, ti accorgerai che gli amori umani che ora ti confortano un poco, le motivazioni che ti sospingono per un certo periodo, la voglia di aiutare gli altri con un libro che molti già ti rimproverano, tutto questo non è che il segno, a volte nitido, altre confuso di quello che puoi vivere già ora, qui. Non sospendere la vita solo per il cancro, hai ragione. Appendila a Cristo. Perché per fiorire d’inverno o sul suo limitare bisogna essere dei bucaneve. Cristo è il solo bucaneve, Cristo sbuca dal gelo con la croce e la resurrezione, Cristo fiorisce, Cristo vince. Lui è l’unico che può dire “Io posso e poiché Io posso in Me anche tu puoi tutto”. Persino accettare il cancro come un dono.




Leggi anche:
Il tempo della malattia come occasione per lasciarsi abbracciare dall’amore del Padre

Tags:
doloretumore
Top 10
See More