Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 07 Dicembre |
Sant'Ambrogio
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Caro sacerdote, vuoi fare una buona omelia? Ecco 10 regole da seguire

Young priest – fr

© Africa Studio/SHUTTERSTOCK

Gelsomino Del Guercio - Aleteia - pubblicato il 10/07/18

In "Salvare l'omelia" di Adriano Zanacchi si spiegano i segreti di un bravo predicatore. E gli errori da evitare

Pochi fronzoli, assenza di suggestioni e tanta concretezza per entrare realmente nel cuore dei fedeli. Le regole – qui sintetizzate in 10 punti – per una buona predicazione del sacerdote le racconta il professore Adriano Zanacchi in“Salvare l’omelia” (edizioni Dehoniane).

1) Predicare con gioia

PRIEST,WOMAN
Sebastien Desarmaux | Godong

La predicazione deve essere gioiosa e portare a superare un passato prevalentemente, se non esclusivamente, condito di penose rinunce penitenziali e di terribili, e paralizzanti, minacce infernali: «La predicazione sacerdotale dev’essere realizzata, come quella di Cristo, in modo positivo e stimolante, che trascini gli uomini verso la Bontà, la Bellezza e la verità di Dio. i cristiani devono far risplendere la conoscenza della Gloria divina che rifulge sul volto di Cristo».


Pope Francis Audience

Leggi anche:
Papa Francesco: l’omelia sia ben preparata, non conferenza

2) Un solo tema principale

I contenuti dell’omelia devono sempre avere come riferimento i testi (la Bibbia, il Lezionario, il Messale), un sottile lavoro esegetico, dalla scelta tematica e dalla collocazione della specifica omelia nel calendario liturgico alla considerazione di documenti, non solo ecclesiali, utili per l’attualizzazione del messaggio.

È quasi unanime il suggerimento di concentrare l’omelia su un solo tema principale, possibilmente riassumendolo in una frase (qualcuno suggerisce: come il titolo di un articolo di giornale), da ripetere o da richiamare in sede conclusiva. Nella scelta si deve tener conto del livello di comprensione dei fedeli presenti, delle esigenze pastorali più vive nella comunità, della possibilità di comporre, nel tempo, un preciso itinerario di fede.




Leggi anche:
Un aiuto per l’omelia della domenica? Ve lo dà Clerus App. Ecco come scaricarla

3) Incipit accattivante

L’introduzione vuol dire, anzitutto, conquistare l’attenzione dei fedeli ed esporre, in modo breve e accattivante. È molto importante che l’incipit introduca il tema centrale prescelto, con parole capaci di coinvolgere, facendo leva non solamente sulla funzione referenziale o informativa, ma anche su quella emotiva (un fatto, un racconto) e, magari, su quella poetica (un verso, persino il titolo di una canzone). Certamente discutibile, se non errato, si può considerare l’esordio con «Sia lodato Gesù Cristo» o con «Buona domenica», che contraddice radicalmente la natura dell’omelia come parte della celebrazione liturgica.

4) Capire e ricordare

Nel corpo centrale dell’omelia confluisce il vero discorso, da svolgere ricordando tre regole essenziali: far capire, far ricordare, mantenere sempre viva l’attenzione. Ed è soprattutto in questa parte che risaltano le fonti fondamentali dell’omelia – la sacra Scrittura e i testi liturgici della messa – e la capacità di fare scaturire dai misteri della fede le norme della vita cristiana.

5) Finale ad effetto

Tocca alle conclusioni recuperare i punti essenziali che sono stati sviluppati e, se possibile, tradurli in una brevissima sintesi: proponendo una sorta di slogan che, anziché «grido di guerra» come dice l’etimologia del termine, dev’essere un invito (gioioso, se possibile) a vivere in sintonia con l’insegnamento di Cristo.

Una buona conclusione dovrebbe incidere sulla memoria, indurre alla riflessione ulteriore, impegnare all’azione. Specialmente se si sceglie di chiudere con una frase a effetto è importante scriverla integralmente anche se ci si serve di una scaletta minimalista e anche se la si è imparata a memoria.


PAPIEŻ FRANCISZEK

Leggi anche:
I 7 consigli di Papa Francesco su come preparare una buona omelia

6) Il look del sacerdote

LUKA MODIC 3
TATJANA SPLICHAL | DRUŽINA

L’efficacia dell’omelia, come di qualsiasi discorso pubblico, dipende quindi da ciò che viene detto, ma anche dalla figura dell’oratore. Non solo da come egli «appare», ma anche da come egli dà, complessivamente, un’immagine di sé, dalla capacità di entrare in sintonia con chi ascolta, di risultare credibile.

Oggi parlare di immagine è di moda. Riferito a una persona, questo termine implica almeno tre aspetti: oltre al ruolo e ai comportamenti, anche l’identità fisica, che non fa riferimento solamente al corpo dell’oratore, che è quello che è, ma al suo modo complessivo di apparire. Al suo abbigliamento, a tutto ciò che è apparenza, compresi gli occhiali e la pettinatura. 

7) Voce e gesti

Di grande importanza sono anche altri fattori espressivi e predisponenti come la gestualità, il tono della voce e la dizione, la mimica, lo sguardo.




Leggi anche:
A volte il mio parroco affida l’omelia ai laici…

8) Rispettare la grammatica

Chi parla deve farlo anzitutto secondo le regole grammaticali. Quando si prepara, deve quindi tenere sempre a portata di mano un vocabolario della lingua italiana. Se non altro per rinfrescarsi la memoria sui termini tecnici dei quali si è magari dimenticato il significato e che si ritrovano nei testi da consultare (mistagogia, parenesi). Ma poi deve mettere mano alla penna o alla tastiera del computer. Guai, poi, agli errori di espressione.

Distraggono, anzitutto, e poi incidono negativamente sui contenuti del discorso: lo rendono meno attendibile. Alla chiarezza dei contenuti deve quindi corrispondere la correttezza espressiva.

9) Feeling con la platea

Church Mass Asia
Pascal Deloche / Godong

E’ fondamentale la sintonia con i destinatari, la sensibilità nel far leva sui loro sentimenti, attese, emozioni, nel toccare il loro cuore. Riguarda le modalità di elaborazione del discorso sotto il profilo emozionale ed è un fattore del quale si tende spesso ad abusare.

10) La durata

L’omelia dovrebbe durare circa dieci minuti, possibilmente un pò meno, avvicinandosi alla durata di otto minuti che molti indicano forse con troppa disinvoltura o sicurezza come lo standard ideale. Ma che può durare anche un po’ di più se il tema lo richiede e la platea segue con attenzione il sacerdote.




Leggi anche:
10 errori che il parroco deve evitare durante un’omelia

Tags:
omeliapreteregolesacerdote
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni