Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Ascensione
home iconStile di vita
line break icon

Siamo anime incarnate, negare il corpo ci distrugge!

BABY;MOM;

unsplash-logoJanko Ferlič

Silvana De Mari - pubblicato il 05/07/18

C'è una vergogna legata alla perdita della madre e del padre, allo strappo delle proprie radici, che causa un dolore enorme, così grande da rischiare di identificarsi con la vita stessa. Invece si può scindere

Ci sono due tipi di vergogna, quella legata al fare e quella legata all’essere. È su quella legata all’essere che dobbiamo intervenire, perché quella è la distruzione. . La vergogna legata all’essere é talmente strutturale da diventare una parte di noi. Quando questo succede non la riconosciamo come vergogna, la scambiamo per un male di vivere senza nome e senza volto, un dolore non scindibile dalla vita, e invece lo é. Il dolore assoluto, il principe di tutti i dolori, é la perdita della madre, e poi arriva la perdita del padre. Il bambino rimasto orfano si vergogna, pensa che in qualche maniera sia stata colpa sua. Contrariamente all’idealismo che ci vede come puri spiriti, e a tutti i degeneri cloni dell’idealismo, dal nazismo alla teoria del gender che afferma che la distinzione maschile femminile è arbitraria, noi siamo anime incarnate in un corpo. Chi nega il corpo, la potenza della biologia, nega l’umanità.




Leggi anche:
Il legame madre-figlio è sacro. Chiunque lo spezzi volutamente commette un crimine

Lo aveva molto chiaro San Tommaso. Dove si rinnega il corpo si perde il contatto con la realtà e quindi con la ragione, contatto che distrugge Hegel mettendo le basi degli irrazionalismi criminali dei totalitarismi. La vita comincia con il desiderio: il desiderio di due corpi diversi, creati per darsi piacere e gioia a vicenda e per generare la vita in questa gioia e in questo piacere. Dove questo incontro di gioia non c’é stato è giá stato perso un tassello fondamentale. Non é la stessa cosa sapere che madre e padre si sono amati, sentendo ognuno l’odore dell’altro, sentendo la sua pelle contro la propria, oppure che tutto quello che è successo è uno schizzo in una provetta leggendo giornali con molte foto, oppure una terapia ormonale da paura con effetti collaterali gravi e irreversibili, in alcuni casi mortali, per poi prelevare l’ovulo con un ago, un lungo ago d’acciaio sterile che perfora l’addome della madre e non c è una voce che dice “amore mio” ma una voce che dice gelida’ stia ferma, abbiamo finito’
Non sempre l ‘incontro tra uomo e donna è bello.


KOBIETA W CIĄŻY

Leggi anche:
Tiene il figlio di uno stupro: «Mi ricorda che il bene trionfa sempre sul male»

Può essere la più ignobile delle violenze, la più terribile delle distruzioni, ma è anche in assoluto il momento più alto, quando un uomo e una donna si amano e concepiscono un figlio sono in tre e il Terzo é lo Spirito. Vive le difference, viva la differenza dicevano i francesi. La differenza è talmente fondamentale che, come affermano le neuroscienze che il cervello maschile e femminile sono diversi giá al quinto mese di vita intrauterina , le differenze sono giá presenti alla nascita,i maschietti cercano oggetti in movimento, le femmine visi.

  • 1
  • 2
Tags:
abbandononascita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni