Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Gli incontri di sesso e orge di 40 preti e seminaristi. Facciamo chiarezza

Condividi

Il dossier al vaglio di Curia di Napoli e Vaticano. Le chat sono scandalose. Ma il problema di fondo è la vocazione delle persone implicate in questa triste vicenda

Un dossier con date, foto e messaggi di una chat è stato consegnato alla Curia di Napoli. I documenti sarebbero collegati a una serie di incontri sessuali – anche con elargizione di denaro – che vedono coinvolti sacerdoti e seminaristi. I rapporti sarebbero quasi tutti di natura gay.

L’Arcidiocesi di Napoli ha anche avviato una verifica sui fatti, che potrebbe portare a provvedimenti per alcune delle persone coinvolte (Corriere del Mezzogiorno, 1 marzo).

“L’ospite è Cristo”

«Da quando sono prete ortodosso sai quanti preti cattolici mi cercano?». «Vieni, dormi nel mio letto. Il Santo Padre Benedetto dice che l’ospite è Cristo». Sono solo alcuni stralci tratti dagli screenshot contenuti nel dossier sui preti gay, consegnato alla Curia dall’escort-gigolò Francesco Mangiacapra.

Da Messenger a Telegram

Conversazioni inequivocabili nelle quali emerge una pratica molto diffusa di frequentazioni e scambi di immagini hard nelle più svariate chat: WhatsApp, Messenger, Telegram e nelle app per incontri gay come Grindr. Nei messaggi si parla apertamente di numerosi altri religiosi oltre ai circa 40 comparsi (34 sacerdoti e 6 seminaristi) nel dossier di Mangiacapra.

Lo scandalo, dunque, potrebbe persino allargarsi. Il dossier di 1300 pagine contiene nomi, cognomi, telefoni, contatti, fatti e soprattutto prove (Immediato.net, 5 marzo).

Ma il celibato? E la condotta morale?

Aleteia ha potuto consultare l’effettivo contenuto delle chat di whatsapp ed effettivamente il tasso di perversione è eloquente. Sopratutto per i sacerdoti, parlare di pratiche sessuali in modo così audace è segno di una condotta pessima, oltre che attesta la rottura del celibato. E questo, a prescindere, dalle tendenze sessuali, che siano gay o eterosessuali.

Le chat

Ecco alcune chat che vedono protagonista un prelato pugliese:

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.