Aleteia logoAleteia logoAleteia
domenica 05 Febbraio |
Sant'Agata
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Gli incontri di sesso e orge di 40 preti e seminaristi. Facciamo chiarezza

love-2461259_960_720

geralt

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 06/03/18

Il dossier al vaglio di Curia di Napoli e Vaticano. Le chat sono scandalose. Ma il problema di fondo è la vocazione delle persone implicate in questa triste vicenda

Un dossier con date, foto e messaggi di una chat è stato consegnato alla Curia di Napoli. I documenti sarebbero collegati a una serie di incontri sessuali – anche con elargizione di denaro – che vedono coinvolti sacerdoti e seminaristi. I rapporti sarebbero quasi tutti di natura gay.

L’Arcidiocesi di Napoli ha anche avviato una verifica sui fatti, che potrebbe portare a provvedimenti per alcune delle persone coinvolte (Corriere del Mezzogiorno, 1 marzo).

“L’ospite è Cristo”

«Da quando sono prete ortodosso sai quanti preti cattolici mi cercano?». «Vieni, dormi nel mio letto. Il Santo Padre Benedetto dice che l’ospite è Cristo». Sono solo alcuni stralci tratti dagli screenshot contenuti nel dossier sui preti gay, consegnato alla Curia dall’escort-gigolò Francesco Mangiacapra.




Leggi anche:
Come scoprire se un seminarista o un prete soffre di un disturbo della personalità?

Da Messenger a Telegram

Conversazioni inequivocabili nelle quali emerge una pratica molto diffusa di frequentazioni e scambi di immagini hard nelle più svariate chat: WhatsApp, Messenger, Telegram e nelle app per incontri gay come Grindr. Nei messaggi si parla apertamente di numerosi altri religiosi oltre ai circa 40 comparsi (34 sacerdoti e 6 seminaristi) nel dossier di Mangiacapra.

Lo scandalo, dunque, potrebbe persino allargarsi. Il dossier di 1300 pagine contiene nomi, cognomi, telefoni, contatti, fatti e soprattutto prove (Immediato.net, 5 marzo).




Leggi anche:
3 buone ragioni per mantenere il celibato sacerdotale

Ma il celibato? E la condotta morale?

Aleteia ha potuto consultare l’effettivo contenuto delle chat di whatsapp ed effettivamente il tasso di perversione è eloquente. Sopratutto per i sacerdoti, parlare di pratiche sessuali in modo così audace è segno di una condotta pessima, oltre che attesta la rottura del celibato. E questo, a prescindere, dalle tendenze sessuali, che siano gay o eterosessuali.

Le chat

Ecco alcune chat che vedono protagonista un prelato pugliese:

Dal «pace e bene» al «mandami una foto di te nudo» il passo è breve nelle chat. Don F. della provincia Bat, conversando con un giovane prete di altra regione, avanza un invito. «Si ma se vengo dove dormo?» e Don F. risponde netto: «Nel mio letto». «Tu sei pazzo», la risposta dell’interlocutore. «L’ospite va trattato bene. Il Santo Padre Benedetto dice che l’ospite è Cristo». All’inizio il giovane sembra un po’ spiazzato. «Vabbè se non vuoi dormire con me ci sono le celle, comunque». Ma nel giro di poche ore, il ragazzo si lascia andare: «Invitami da te, celebriamo insieme e poi vediamo». E ancora: «Cosa vuoi da me, amicizia o solo scopare? Ho paura che poi mi abbandoni». «E che vuoi, innamorarti?», gli risponde Don F.

Il seguito della conversazione degenera in pochi attimi. «Tu lo vuoi», «in c*** ma fai male tu», e Don F.: «Perchè dovrei, ci so fare».

Don F. ne intercetta anche un altro in chat: «Tu sei gay?», risposta: «Booo», «Cioè sì», la replica dell’amico prete. Qui lo scambio di foto è immediato. Don F. propone anche una cosa a tre in un eremo e manda all’interlocutore la foto di un altro religioso che sarebbe pronto a partecipare al triangolo amoroso.

Le indagini nelle diocesi

Mentre il cardinale Crescenzio Sepe annuncia che il dossier finirà in Vaticano, le diocesi coinvolte sono localizzate in tutte le regioni del centro sud: da Roma a Salerno, da Lagonegro ad Andria, da Cosenza a Catania.

Tra esse c’è chi, come la Diocesi di Cosenza, ha istituito un centro d’ascolto che raccoglierà tutti giorni dalle 9.30 alle 12.00 segnalazioni inerenti presunti abusi dei sacerdoti, che però dovranno essere «firmate o personalmente testimoniate e le consegneranno all’Arcivescovo per gli opportuni provvedimenti, canonici o disciplinari. Non saranno accolte né prese in considerazione segnalazioni o lettere anonime, la cui identità non è individuabile o di dubbia provenienza» (Qui Cosenza, 4 marzo).

Quello di Cosenza è solo un esempio. I vescovi delle diocesi coinvolte si stanno mobilitando per capire quale sia la reale portata di questo triste fenomeno nelle rispettive aree di interesse.


Rev. Gregory Greiten

Leggi anche:
Una riflessione sul prete che ha fatto coming out sostenuto dal suo vescovo

L’immagine della Chiesa

Il dato certo è che c’è ben poco di vocazione dietro questi comportamenti di preti e seminaristi. Ed è giusto che le indagini sia a livello locale, sia livello Vaticano, facciano luce su questa vicenda che rischia di gettare altro fango su una chiesa già ferita da abusi e vicende sessuali poco liete.

Come ha detto il cardinale Sepe: «Non solo sono preoccupato, sono indignato. Per colpa di qualcuno si cerca di dipingere il volto della Chiesa come sporco per tutti» (Corriere del Mezzogiorno, 26 febbraio).




Leggi anche:
Lettera di un cattolico omosessuale a un sacerdote omosessuale

Tags:
curianapolipretisacerdotiscandaloseminaristisesso
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni