Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 24 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconStile di vita
line break icon

Non è più ricco chi ha di più, ma chi ha bisogno di meno

Kostyantyn Salanda

A MENTE É MARAVILHOSA - pubblicato il 12/08/16

Il denaro ci darà conforto, ma non necessariamente senso nella vita

Pensando a questo tema, mi sono venute in mente le parole di Epicuro strettamente collegate: “Povero non è chi ha di meno, ma chi ha bisogno di più cose per essere felice”. Mettendo da parte il concetto della parola “ricco” come persona che possiede una grande quantità di denaro, l’affermazione del titolo ha a che vedere con la felicità della quale parlava questo pensatore molti secoli fa.

Di fatto, questa felicità proviene da altre cose, che hanno poco o nulla a che vedere con il possesso di una moneta, perché quello che ci arricchisce non ha un valore materiale, ma emotivo e fisiologico.

Un mondo pieno di cose dispensabili

Circa ciò che è stato detto qualche riga più sopra, bisogna sottolineare che viviamo in un mondo pieno di cose che possono essere considerate dispensabili, ma la pubblicità e le nuove tecnologie ci fanno credere a volte che tutto ruoti intorno al possesso di oggetti materiali che possono renderci più felici.

“Veniamo educati ad essere produttori e consumatori, non ad essere uomini liberi” – José Luís Sampedro

Ad ogni modo, non è vero: non siamo più felici di quanto fossero i nostri genitori perché possediamo un telefono cellulare di ultima generazione, due macchine e tre computer in casa. Forse conduciamo una vita più confortevole, ma il consumo di cose come queste non riempie le persone.


LEGGI ANCHE: Quale uso del denaro?


Quando mia sorella ha detto che aveva bisogno di comprare dei vestiti nuovi anche se aveva gli armadi già pieni, mi sono chiesto fino a che punto viviamo ingannati dalle nostre necessità: in genere diamo importanza a quello che non ne ha e dimentichiamo ciò che conta.

Ho davvero bisogno di questo per essere felice?

Quello che evidenziano questi esempi è la veridicità della frase dell’inizio, al punto che sembra sorprendente che sia stata formulata tanto tempo fa. Ciò avviene perché ripetiamo migliaia di volte l’idea che trasmette: “Ho proprio bisogno di questo?” È una domanda che possiamo porci in molte situazioni.

Come dicevamo, abbiamo talmente tante cose che a volte dimentichiamo quelle senza le quali non potremmo vivere: una buona salute fisica e mentale, la possibilità di avere rapporti personali che ci soddisfino, come amici che saranno sempre presenti, o la fortuna di contare su una splendida famiglia.

“Il successo consiste nell’ottenere ciò che si desidera, la felicità nel godere di quello che si ottiene” – Waldo Emerson

Tutto questo non si può comprare neanche con tutto l’oro del mondo. È per questo che, paradossalmente, tutto ciò può renderci ricchi di felicità: nessuno, ad esempio, si sentirà migliore di una persona che supera un cancro, vince una depressione o trova nel suo partner il miglior sostegno e un abbraccio sincero.

Essere ricchi è essere felici di ciò che abbiamo

Sicuramente spesso ci sentiamo frustrati perché non abbiamo raggiunto le mete che ci eravamo prefissate o perché non abbiamo quello che desideravamo.

È vero che è benefico individuare delle mete da raggiungere, perché cadere nel conformismo è sinonimo di stagnazione. Bisogna però considerare che la felicità arriva quando ci godiamo il cammino che ci conduce ad essa.


LEGGI ANCHE: La decisione su cui si gioca la tua felicità


I desideri non portano la felicità, si limitano a “decorarla”: è fonte di grande ricchezza imparare a sentirsi completi con quello che conquistiamo o che diamo, per poter così ricevere pienamente quello che ci arriva in modo gratuito e senza chiedere.

“La felicità non si trova, ti arriva al momento giusto” – John F. Bisner Ureña

Riassumendo, quello che arriva in forma gratuita e senza alcun valore materiale è quello che può rendere realmente ricchi. Il denaro ci darà conforto, ma quello che muove le nostre emozioni è quello che ci dà senso.

[Traduzione dal portoghese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
denarofelicitàpovertàricchezza
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
BIBLE
Patty Knap
Se soffri d’ansia, devi conoscere il consiglio più ripetuto nella...
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni