Aleteia

Il potere della delicatezza: “Rest in You” degli All Sons And Daughters

Condividi
Commenta

Quando dei classici arrangiamenti per strumenti a corda incontrano le sonorità del Tennessee

Alla domanda su quale fosse la vera musica country, Harlan Howard ha risposto: “La musica country non è altro che tre accordi e la verità”. Nella canzone “Rest In You” – che fa parte di “Poets and Saints”, l’ultimo album degli All Sons and Daughters, uscito nel settembre 2016 –  il duo fok cristiano originario del Tennessee, composto da Leslie Anne Jordan e David Alan Leonard, prende sul serio il motto di Howard.

La strumentazione è semplice: un pianoforte che scivola tra accordi nell’ottava di mezzo e bassi profondi, seguito da delicati arrangiamenti per strumenti a corda, un basso continuo accentuato da una semplice linea di violoncello e un morbido tocco di chitarra come sottofondo. Gli “All Sons and Daughters” potrebbero aver introdotto ben più che soltanto tre accordi, ma il pezzo offre un sound sincero e autentico, in grado di mettere insieme pizzicati di violino e le tipiche sonorità del Tennessee. Lasciando comunque spazio per il silenzio e per dei dolcemente armonizzati interventi vocali. Il tutto in soli cinque minuti.

“Rest In You”, ovviamente ispirato alle Confessioni di sant’Agostino (“You have made us for yourself, O Lord, and our heart is restless until it rests in you” – “Ci hai fatti per Te e inquieto è il nostro cuore finché non riposa in te”), potrebbe essere stato scritto in un ora – secondo quanto gli artisti hanno dichiarato sul loro sito – ma il ritornello vi resterà in testa sicuramente per molto più tempo.

Segui “Cecilia” – la pagina musicale di Aleteia – su Facebook!

Condividi
Commenta
Questa storia ha come tag:
Ceciliaconfessionisant'agostino
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni