Aleteia

Sconfiggono il cancro e ricreano la foto che nel 2014 è diventata virale

su concessione di Lora Scantling - adattamento di Agata Stele/Aleteia
Condividi
Commenta

Ogni anno queste tre bambine si incontrano per ricordare la vittoria sulla malattia

Si sono conosciute nel marzo 2014, in occasione di una sessione fotografica per sensibilizzare sul cancro infantile. La fotografia che le ritrae diventò subito virale, diffondendo in tutto il mondo la storia delle tre ragazzine che combattevano strenuamente per la vita, Rheann Franklin (che ora ha 9 anni), Ainsley Peters (7) e Rylie Hughey (6).

Ed ora, sconfitta definitivamente la malattia, quella di incontrarsi per ricordare l’evento è diventata per loro una tradizione annuale.

“Proviamo a fare ogni anno qualcosa di leggermente diverso”, ha detto la fotografa Lora Scantling. Quest’anno le ragazze hanno posato con un nastro dorato, a simboleggiare la lotta contro il cancro.

“Ci piace fare queste foto ogni anno, perché spinge sempre più persone a parlare del cancro infantile. Questa tradizione sta contribuendo a creare consapevolezza sulla malattia. E ne abbiamo disperatamente bisogno, considerando che il cancro infantile ottiene soltanto il 4% dei finanziamenti necessari”, ha detto.

E l’intero l’abbigliamento per gli scatti, proprio come gli anni passati, è stato donato anche quest’anno dalla Penelope’s Children’s Boutique di Oklahoma City. Anche la fondazione Ally’s House contribuisce alla realizzazione delle sessioni fotografiche.

Ainsley adora essere in prima elementare, e vuole diventare grande per essere madre, cantante e scienziata. “È piena di energia”, ha detto la fotografa, “canta in continuazione”.

Rylie, è “una bambina sempre sorridente”, a cui piace tantissimo fare ginnastica e ballare.

Rheann ama le arti marziali e mangiare cioccolata. Lei è la bambina a cui la malattia ha lasciato segni fisici più evidenti. A causa delle radiazioni a cui è stata sottoposta, non le cresceranno più i capelli. E probabilmente, a causa della posizione in cui si trovava il tumore al cervello, gli occhi rimarranno sempre offesi. “Nonostante tutto”, ha detto la Scantling, “è una bambina incredibilmente felice e impertinente”.

“Le ragazze si divertono un mondo a stare insieme!”, ha dichiarato a Today. “Hanno un legame molto speciale”.

Ancora oggi le persone che vedono le foto del 2014 continuano a contattare la fotografa per sapere come stanno le tre bambine.

“Fino a quando le bambine lo vorranno, continuerò a scattare delle foto ogni anno”, ha detto Scantling. “Ogni anno le ragazze cambiano un po’, crescono, e sembrano sempre più felici e più sane”.

Quando è stato chiesto loro di definire la malattia, le tre ragazze non hanno avuto alcun imbarazzo né disagio: “Il cancro è un drago nel tuo corpo“, ha detto Rheann. “E la chemioterapia è il principe che ti viene a salvare“, ha aggiunto Ainsley. L’ultima parola è di Rylie, e sembra non avere affatto torto: “Ma il cancro è andato ad importunare le principesse sbagliate”.

Condividi
Commenta
Questa storia ha come tag:
bambinicancromalattia
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni