Aleteia

Marie Miller ha un compito arduo, ma ammette che dipende da Dio

Condividi
Commenta

Il suo secondo singolo è una melodia che fa bene al cuore

Si tratta di una canzone molto carina, una preghiera affinché Dio possa portare il vero amore nella vita di Marie Miller, a prescindere dall’aspetto. Ciò che ho trovato più interessante è la variazione dei testi tra un verso e l’altro. Ogni volta descrive il ragazzo dei suoi sogni con un aspetto diverso, dando grande enfasi ad un messaggio: lei è aperta a tutto ciò che è nella volontà di Dio.

Con una melodia piacevole e un ritornello accattivante, Miller riesce a fare qualcosa in cui molti falliscono: costruire una melodia d’amore che si concentri sul matrimonio e sull’amore, piuttosto che sugli istinti più bassi. I temi cristiani la rendono una canzone sana, che non stonerebbe affatto in una sala da ballo durante un matrimonio.

Potete notare lo sviluppo di Miller in quanto musicista, rispetto all’ultimo singolo “You’re Not Alone”. La melodia principale è più definita, mentre il ritornello ha un testo più complesso e fluido. Non vediamo l’ora che ci presenti il suo prossimo lavoro.

Jack Mauro

Questa storia ha come tag:
amoreCeciliamatrimoniomusica
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni