Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 26 Febbraio |
Santi Luigi Versiglia e Callisto Caravario
home iconFor Her
line break icon

Sono sposata da 20 anni e non sento più nulla per mio marito, cosa faccio?

B-D-S Piotr Marcinski | Shutterstock

Verso una coppia felice - pubblicato il 05/11/19

La confusione è nella testa o nello stomaco? Bisogna far prevalere la ragione o la passione? Risponde Marco Scaramagni (formatore, consulente e mediatore familiare).

Sono sposata da 20 anni, ho un figlio ormai grande ma quello è un altro capitolo: mi dà parecchi pensieri.Mio marito fa l’assicuratore ed è via quasi tutto il giorno. Torna a sera, stanco lui e demotivata io. Il rapporto tra noi è sempre più tiepido. Non che possa rimproverargli qualcosa, ma per lui non sento più nulla.Mi fa battere forte il cuore invece un mio collega, 15 anni più giovane di me, appena uscito da una storia deludente. Quando lavoriamo insieme sento una certa complicità, poi lui si confida molto con me, ed io con lui.Io non penso che succederà qualcosa, ma sono molto turbata. Mi sento a volte una ragazzina, a volte vecchia, a volte sciocca. Senza contare che siamo molto cattolici e che questo fatto mi crea non pochi problemi di coscienza. Non so che fare. Mi verrebbe da buttare tutto all’aria. Se mi stacco dal mio collega sento di non essere sincera con me stessa. Ho molta confusione in testa. Cosa fare quando la coppia è in crisi?Luisa


MAN, WOMAN, HANDS

Leggi anche:
Fulton Sheen: un matrimonio difficile è occasione di santificazione

Quando la coppia è in crisi la confusione è nella testa o nello stomaco?

Molta confusione nella testa e altrettanta nello stomaco, vero Luisa? Molte persone che incontro mi dicono: «Con mio marito (o moglie) c’è tranquillità e noia, con l’altro (o l’altra) sento passione e trasporto». È come se i coniugi, arrivati ad un certo punto, dovessero vivere interiormente scissi. E quindi – vita grama – o si costruisce una coppia stabile rinunciando alla passione, o si vive la passione rinunciando alla favola dell’amore per sempre.

Ethos è l’assunzione di responsabilità verso il partner

Come se ne esce? La famiglia – scrive Vittorio Cigoli – è il luogo dove convivono l’ethos (cioè l’alta assunzione di responsabilità nei confronti dell’altro/a) e il pathos (che è la facoltà squisitamente umana di sentire le gioie e le pene dell’incontro profondo).
Senza il pathos l’amore diventa sterile, forzato, piatto. Senza l’ethos resta un bambino che vive delle emozioni e dei capricci del momento, e non permette lo sviluppo del legame, necessario per affrontare le tappe che la vita ci propone.
Non è semplice farli convivere, ma neppure impossibile.




Leggi anche:
Un matrimonio in crisi: prendi questo dolore come occasione, non arrenderti

Occorre coltivare anche il pathos, ovvero la passione

Che cosa hai fatto per riattivare la passione nel rapporto con tuo marito? Perché ti sembra tutto più faticoso? Perché tuo figlio se ne accorge e non ti lascia in pace?
E non ascoltare le chimere di chi risolverebbe tutto con un completino intimo sexy. Queste cose, da sole, sono la fiera della banalità. La passione parte da dentro, dalla voglia di ringraziare di ogni giorno come se fosse unico, dal riconnettersi alle emozioni che ti hanno fatto innamorare proprio di tuo marito. Noi cristiani proponiamo anche di pregare insieme.
A seguire gli istinti, a mendicare abbracci appassionati che sfioriscono al calar del sole, o letti roventi che sbolliscono all’alba, sono capaci tutti. Così come non è proprio onorevole trascinarsi in un matrimonio senza vita.
I giovani di qualche anno fa – gli “alternativi” – hanno cominciato a sfottere la stabilità delle vecchie coppie. Risultato? Un disastro!
Affrontare gioie e dolori (non troppi, si spera), conquistarsi per una vita il proprio coniuge, riscoprirlo ogni giorno. Questa è la sfida! I veri “alternativi” siamo noi. Coraggio!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DA VERSO UNA COPPIA FELICE

Tags:
crisimatrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
POPE EASTER
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco: “Non dovete mai convincere un non credente”
3
CAIN AND WIFE
Francisco Vêneto
Con chi si è sposato Caino, se Adamo ed Eva avevano solo figli ma...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
MUM, HUG, CHILD
Annalisa Teggi
Mamma si suicida insieme al figlio, ma lo salva con l’ultim...
6
FAUSTINA
don Marcello Stanzione
I Cherubini e l’Inferno: le visioni degli angeli di santa Faustin...
7
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti maligni a San Miche...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni