Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 08 Maggio |
Santa Maddalena di Canossa
home iconFor Her
line break icon

Può la matematica insegnarti la libertà e il gusto della scoperta?

BOY, BLACKBOARD, MATH

Neirfy | Shutterstock

Fraternità San Carlo Borromeo - pubblicato il 28/10/19

In Repubblica ceca sono ancora aperte le ferite lasciate dal regime comunista: a scuola si tenta di scalfire il clima di scetticismo col metodo del professor di matematica Hejný, per ridare ai ragazzi il gusto di fare domande e di entusiasmarsi nella ricerca libera del vero.

Di Marco Basile (sacerdote dal 2010, è rettore della chiesa dell’Addolorata a Praga)

Da qualche anno insegno Matematica in un liceo di Praga. Per lavorare nella scuola, ho dovuto frequentare un corso di laurea in cui ho avuto la fortuna di conoscere il professor Hejný. Quest’uomo più che ottantenne, con lo spirito di un fanciullo, ha introdotto nelle scuole ceche un metodo per insegnare la matematica conosciuto come “metodo Hejný”, che cerca di rendere più attivo il ruolo dello studente. Maestro fino al 1989 nelle scuole elementari, dopo la caduta del comunismo è stato nominato professore alla facoltà pedagogica di Praga.
A lezione ci diceva che, sotto il comunismo, scopo della scuola era inculcare negli studenti l’idea che non si potesse conoscere se non seguendo le istruzioni del professore, così come nella vita non si poteva lavorare senza seguire le istruzioni dello Stato. Ancora oggi si toccano con mano le conseguenze di questo sistema, per cui i ragazzi attendono passivamente le indicazioni dell’insegnante, senza sforzarsi di capire perché ma solo cosa fare.


GIRL, MATH, BLACKBOARD

Leggi anche:
L’infinito non è astratto, è qui! Prova a calcolare 10 diviso 3 …

Ritengo una fortuna avere conosciuto quest’uomo con il gusto dell’insegnamento, amante della libertà umana e dell’uso della ragione, capace di entusiasmarsi per ogni nostra domanda, obiezione, suggerimento. Ha iniziato ad insegnare semplicemente guardando come studiavano i suoi figli, senza la pretesa di cambiare il sistema scolastico: oggi, in buona parte delle scuole elementari ceche, si usano i suoi libri.
Sento il suo esempio vicino al nostro approccio alla missione. Il regime comunista, infatti, ha influenzato sia la libertà delle persone che i rapporti umani, resi fragili dal sospetto e dall’individualismo: una persona isolata era più facilmente manipolabile. Come accade per ogni ideologia, il crollo del regime ha lasciato un clima di scetticismo e cinismo. Non ci è chiesto di cancellare questa pesante eredità, ma di iniziare qualcosa di nuovo e di bello lì dove siamo, di portare un metodo, quello di Cristo: vieni e vedi.

SZKOŁA SZKOLE, CARITAS POLSKA

La nostra missione è fatta di cose semplici: l’entusiasmo di entrare in classe e rivedere gli studenti, la convenienza e il fascino di una vita in cui si condivide tutto, la ragionevolezza di ciò che diciamo e facciamo, la serietà con cui viviamo l’amicizia, il desiderio che altri possano conoscere ciò che rende grande e interessante la nostra vita. A noi è chiesto di seminare generosamente, coscienti che forse non vedremo i frutti del nostro lavoro perché la nostra ricompensa è già nel seminare stesso.


FRANCO NEMBRINI

Leggi anche:
Nembrini: il talento fiorisce in un’esperienza di perdono (VIDEO)

Dalla semplice fedeltà alla nostra vocazione, nascono poi tanti piccoli avvenimenti: un ragazzo scopre in un innamoramento non corrisposto l’occasione di un cammino buono; uno studente trova nella nostra casa un’accoglienza che non riceve neanche nella propria famiglia; una giovane coppia scopre attraverso la nostra amicizia la possibilità di non fermarsi a ciò che non va dell’altro, di perdonarsi; un amico vive la morte di un genitore senza disperazione, con la certezza di un bene presente anche nel dolore.
Vediamo così realizzarsi, anche tra di noi, le parole pronunciate da Carrón agli ultimi esercizi di Cl: “Non sono definito dal mio sforzo di cambiare ma dalla consapevolezza di quello che è successo nella mia vita”. Veramente, l’incontro con Cristo permette di scoprire il bene in ogni circostanza!

QUI IL LINK ORIGINALE ALL’ARTICOLO PUBBLICATO DA FRATERNITÀ SAN CARLO

Tags:
giovanilibertàscuola
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
3
Gelsomino Del Guercio
Gesù e la lettura del Vangelo. Così Celentano “converteR...
4
Annalisa Teggi
Intrappolata in un macchinario tessile: muore Luana, mamma di 22 ...
5
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
PRAY
Philip Kosloski
Come sapere se la vostra anima ha subìto un attacco spirituale?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni