Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 17 Aprile |
Santa Kateri Tekakwitha
home iconStile di vita
line break icon

I numeri del cancro in Italia finalmente diminuiscono!

By Africa Studio/Shutterstock

Silvia Lucchetti - pubblicato il 27/09/19

L’inversione di tendenza grazie ai programmi di prevenzione e al miglioramento delle terapie.

Finalmente è arrivata la buona notizia che si attendeva da tempo nel campo della lotta ai tumori: per la prima volta nel 2019 il numero dei nuovi casi nel nostro Paese è diminuito di circa 2000 unità rispetto al 2018, anno che aveva fatto segnare 4 mila diagnosi in più sul 2017 (Ansa).

371.000 italiani si sono ammalati quest’anno

Siamo comunque di fronte a dati che non ammettono nessun abbassamento della guardia: sono 371 mila gli italiani che si sono ammalati di cancro quest’anno. L’associazione italiana di oncologia medica ha ratificato questa inversione di tendenza nel rapporto: “I numeri del cancro 2019”, presentati il 24/9 al Ministero della Salute, in cui si evidenzia anche la diminuzione della mortalità dovuta alla diffusione dei programmi di prevenzione e al miglioramento delle terapie. Questo dato incoraggiante testimonia gli effetti positivi che stanno ottenendo le campagne di sensibilizzazione per la prevenzione primaria, quella che si concentra sull’adozione di corretti stili di vita per prevenire questa terribile malattia.

Un milione di pazienti guariti!

I pazienti che si possono considerare guariti sono oggi circa un milione, mentre altri tre milioni e mezzo stanno combattendo con le varie forme in cui questa patologia si manifesta. Le cinque neoplasie più diffuse sono quelle della mammella (53.500 casi nel 2019), colon-retto (49.000), polmone (42.500), prostata (37.000) e vescica (29.700). In diminuzione le neoplasie del colon-retto, stomaco, fegato e prostata e, solo nei maschi, il tumore del polmone, che invece continua ad aumentare nell’altro sesso (+ 2,2% annuo) a causa della diffusione fra le donne del fumo di tabacco (Ibidem).


Angela Bianco

Leggi anche:
Scopre un tumore in gravidanza e rifiuta l’aborto: Mia figlia deve nascere, a qualunque costo!

Cancro: diminuzione in entrambi i sessi

Sta aumentando anche la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi: il 63% delle donne e il 54% degli uomini. Un paziente su 4, come già detto circa un milione, può contare di avere la stessa aspettativa di vita della popolazione generale, e ritenersi quindi guarito. La presidente dell’Aiom, Stefania Gori, sottolinea come l’incidenza del cancro sia in diminuzione in entrambi i sessi.

Il tumore del seno si conferma il più frequente, in crescita soprattutto al Centro-Nord per l’estensione dei programmi di screening e della popolazione target ( da 50-69 anni a 45-74). Quest’ultimo però non costituisce un fenomeno negativo, perché vengono individuati in fase iniziale e con alte probabilità di guarigione molti tumori che, senza lo screening, sarebbero stati scoperti in stadio avanzato (Ansa).

2 milioni di over 65 malati di tumore, ma non abbandonano cattive abitudini

Gli over 65 che hanno dovuto confrontarsi con una diagnosi di tumore sono quasi 2 milioni, ma molti di essi non hanno interrotto le cattive abitudini: fumo, sedentarietà e abuso di bevande alcooliche. Questo numero preoccupante emerge dai dati del sistema di sorveglianza PASSI d’Argento (progressi delle Aziende Sanitarie per la Salute in Italia), coordinato dall’Istituto Superiore di Sanità, che evidenzia anche come il 13% dei 22.811 over-65 che hanno partecipato alla ricerca ha riferito di aver ricevuto una diagnosi di cancro. L’11% di essi rimane comunque fumatore abituale, il 18% consuma ancora alcool in quantità rischiose per la salute e il 40% dichiara di essere sedentario. Inoltre solo il 58% di chi ha avuto una neoplasia segue il consiglio di vaccinarsi contro l’influenza, sottostimandone gravemente il pericolo per la maggiore vulnerabilità alle infezioni, e relative complicanze, che contraddistingue questi pazienti (Ansa).


young scientist microscope

Leggi anche:
Un tumore a 18 anni, ora studia medicina per aiutare gli altri: è il mio modo di dire grazie!

Tags:
cancrosalutetumore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
Lucandrea Massaro
“Cosa succede se un prete si innamora?”
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
7
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni