Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Padre Aldo Trento: «Io sono tu che mi fai»

© Tempi
Condividi

L’unica vera libertà, “Io sono tu che mi fai” adesso sono chiamato a viverla in primis ringraziando quanti veri amici, guidati per mio fratello Guido si sono fatti carico in questi due mesi di questo poveretto, bisognoso di tutto.

di padre Aldo Trento

Cari Amici,

Da quando porto, come direbbe S. Paolo, i segni della passione di Gesù, mi chiedo in che consiste la mia libertà schiavo come sono di questo corpo che, nella malattia, mi tiene prigioniero impedendomi di fare ciò che ho sempre fatto.

Quando mi sono reso conto di questo ho reagito male con il Signore quasi fosse il colpevole di questa schiavitù che ha cambiato tutto il mio modo di vivere. In questa situazione è iniziato un lento cammino nel quale ho avuto la grazia di sperimentare che la libertà coincide con l’adesione all’essere con il riconoscimento che sono relazione con il mistero: io sono tu che mi fai.

È un cammino difficile vedere la tua mancanza fisica di scegliere, avendo bisogno di tutti, ma è una educazione lenta sperimentare l’unica vera libertà quella che per anni ho annunciato in tanti paesi di questo mondo. “Io sono tu che mi fai” adesso sono chiamato a viverla in primis ringraziando quanti veri amici, guidati per mio fratello Guido si sono fatti carico in questi due mesi di questo poveretto, bisognoso di tutto. Grazie all’insistenza del Gius “Io sono tu che mi fai” questa verità e diventata carne, ragione del mio vivere.

Vi mando una foto. È il nuovo cimitero della fondazione, un insieme di alberi delimitano le tombe sopra le quali c’è una croce con nome e cognome. Si trova a 40km da Asunción nellla nostra fattoria. Quando gli alberi di “lapacho” fioriranno sarà uno spettacolo di colori bianco, giallo, rosa, per dirci che la morte è vinta lasciando spazio alla vita. Ai miei amici ho detto che voglio alla mia morte essere seppellito lì nel centro dove c’è una grande croce insieme ai miei poveri, ammalati di aids, di cancro, bambini. Bellissimi!

By padre Aldo Trento

Alberi ci faranno compagnia, lì dove un tempo c’era la foresta.

Amici, grazie e aiutatemi, come potete.

***

Per chi volesse aiutare padre Aldo QUI le istruzioni

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE PUBBLICATO DAL BLOG DI COSTANZA MIRIANO

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.