Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come raccontare ai bambini il dogma dell’Immacolata Concezione

BAMBINA, FIORI, BIANCHI
Shutterstock
Condividi

Per la festa di domani ecco alcuni spunti da mamme che hanno introdotto i propri figli alla scoperta di Maria, Piena di Grazia e senza macchia.

Continuano le nostre merende a tema, che ci vedono impegnate nel proporre attività e iniziative per coinvolgere i nostri bambini nell’anno liturgico.
Dopo la merenda con gli angeli custodi e quella di Ognissanti, ci siamo riunite per spiegare e celebrare insieme ai nostri bambini l’Immacolata Concezione di Maria, che si festeggia l’8 dicembre.

Che cosa significa Immacolata Concezione? Significa che Maria, per grazia di Dio e in anticipazione dei meriti di Cristo è stata preservata dal peccato fin dal momento del suo concepimento.

Maria è la tutta santa, immune da ogni macchia di peccato, dallo Spirito Santo quasi plasmata e resa nuova creatura. Il dogma dell’Immacolata Concezione fu proclamato da Pio IX nel 1854 con la bolla Ineffabilis Deus. Nella devozione cattolica l’Immacolata è collegata con le apparizioni di Lourdes (1858) e con le precedenti apparizioni di Rue du Bac a Parigi (1830), da cui è iniziata la devozione alla Medaglia Miracolosa.

Come spiegare questo dogma ai bambini? La nostra idea è quella di iniziare con il racconto dell’Annunciazione. Ed è proprio questo che abbiamo fatto nella nostra merenda, mostrando i disegni dalla Bibbia per bambini, e spiegando che nell’Annunciazione l’Angelo saluta Maria con l’appellativo “Piena di Grazia”. Queste parole fanno chiaramente capire che Maria vive in uno stato di Grazia, totalmente piena della Vita di Dio, pura e senza macchia.

Per aiutarli a comprendere questa realtà, abbiamo fatto l’esempio di una mamma e un papà che, in attesa di un bambino, preparano tutto ciò di cui avrà bisogno: vestiti, culla, cameretta…. vogliono che tutto sia perfetto per l’arrivo della loro creatura e preparano tutto con cura e amore. Allo stesso modo ha fatto Dio! Per l’arrivo del suo Figlio sulla terra ha preparato colei che lo avrebbe accolto nel suo grembo: la sua mamma! E l’ha preparata facendo in modo che fosse pura e senza macchia da sempre!

E quindi Maria, bella, bianca e pura da sempre, ha portato nel suo grembo il Signore Gesù. Terminato il racconto e la spiegazione, a cui i bambini hanno assistito con interesse, abbiamo pensato di realizzare visivamente questa verità con un lavoretto.

Abbiamo aiutato i bambini a realizzare un portacandele bianco e fiorito, che rappresenta Maria che nella sua purezza ha portato dentro di sè la luce di Cristo. I bambini avevano a disposizione tulle, fiori e nastri bianchi e, con il nostro aiuto, hanno realizzato dei meravigliosi portacandele!

PORTA CANDELE, IMMACOLATA
Mogli e mamme per vocazione

Tutti i portacandele sono poi stati posti ai piedi della statua della Madonna. E, infine, l’immancabile preghiera insieme, per concludere il nostro pomeriggio onorando la nostra amata mamma Maria.

Buona festa dell’Immacolata Concezione a voi e ai vostri bambini!

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni