Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Dalla NASA al convento

LIBBY OSGOOD
Condividi

Abbandona una carriera di successo come ingegnere spaziale per diventare suora

Libby Osgood ha lavorato come ingegnere aerospaziale alla NASA e come professoressa in un’università degli Stati Uniti fino al giorno in cui ha deciso di lasciare tutto per diventare religiosa.

Il 26 agosto 2017, l’ingegnere 35enne è entrata come novizia nella Congregazione di Notre Dame, il cui carisma è l’istruzione.

In alcune dichiarazioni a CTV News, la Osgood ha indicato di essersi presa un anno sabbatico dalla sua professione di docente presso la University of Prince Edward Island (UPEI) per dedicarsi al noviziato. Libby, di origine canadese, ha conseguito anche un dottorato in Ingegneria meccanica e ha insegnato in più di 12 corsi della sua specializzazione.

Ha iniziato a lavorare come ingegnere di sistemi alla NASA a 23 anni. Il suo primo compito era assicurarsi che gli scienziati compilassero i documenti necessari per verificare che un satellite venisse lanciato com’era stato previsto.

Libby non professava né praticava la sua fede al lavoro, perché è un tema di cui era difficile parlare apertamente. Doveva anche nascondere sotto gli abiti il crocifisso che aveva ereditato dalla nonna.

“Credo che la maggior parte degli scienziati e degli ingegneri sia atea. Quelli che hanno fede sono un po’ più discreti”, ha affermato. Sentiva che parlare del fatto di servire Dio era una cosa quasi “controculturale”.

Nel 2010 è tornata in Canada e si è stabilita a Charlottetown, sede di una stazione spaziale della NASA. Lì ha anche iniziato a insegnare alla University of Prince Edward Island. Si sentiva sostenuta dalla comunità cattolica di Charlottetown, e questo l’ha aiutata a non aver paura di esprimere la propria fede.

“È stato molto difficile ammettere che ciò che volevo fare davvero andava controcorrente e poterlo dire agli altri”, ha confessato.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni