Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Un’intera città in cui il Vangelo è parte della vita quotidiana

LOPPIANO CHURCH
Condividi

La fondatrice del Movimento dei Focolari voleva che le persone ordinarie vivessero la gioia di cui godono i monaci

Adagiato sulle colline della Toscana, poco a sud di Firenze, il paese di Loppiano potrebbe essere come qualsiasi altro della penisola – noto per il cibo e il buon vino. È invece famoso per la cooperazione e collaborazione tra i residenti, che i suoi fondatori definiscono “amore reciproco”.

Loppiano è stato fondato nel 1964 da Chiara Lubich e dal Movimento dei Focolari, e sottolinea i principi fondamentali dello stile di vita proposto dal movimento.

CHIARA LUBICH
Massimo Finizio | CC BY SA 2.0

A partire dal 1949, la Lubich e i suoi compagni iniziarono ad andare sulle montagne vicino alla sua città natale, Trento, per trovarvi relax e riposo. Quelle gite, però, hanno finito per diventare momenti decisivi nella storia del Movimento dei Focolari.

Nel corso del tempo, sempre più persone si sono unite a Chiara e ai suoi compagni in montagna, e le escursioni sono state formalizzate maggiormente. Presto hanno iniziato ad avere luogo nel periodo estivo. La Lubich e gli altri partecipanti hanno cominciato a riferirsi a quei piccoli viaggi come a “città”, per via della varietà di persone che vi prendevano parte e dell’organizzazione necessaria.

Nel 1962 la Lubich si è trovata un giorno a osservare l’abbazia benedettina di Einsiedeln, in Svizzera. Tra quelle mura i monaci erano liberi di vivere come ci dice di fare il Vangelo. Chiara si è chiesta cosa sarebbe accaduto se ci fosse stata una città moderna con scuole, negozi, campi da calcio, fattorie,ecc., in cui la gente potesse fare lo stesso.

E così è nato Loppiano.

Le prime persone ad aderire all’idea della Lubich hanno lavorato per restaurare delle antiche case della zona. Hanno imparato come far crescere gli ulivi e l’uva e come autosostentarsi. Il loro stile di vita era basato sui principi fondamentali del Vangelo, e la vita di città sottolineava la comunità e la collaborazione.

Oggi a Loppiano vivono circa 900 persone provenienti da 70 Paesi. Più della metà dei residenti ci vive in modo permanente, gli altri tra i 6 e i 18 mesi mentre studiano in uno dei vari istituti con base a Loppiano.

Una delle cose che attira le persone a Loppiano è l’Istituto Universitario Sophia, che ha iniziato a offrire corsi di laurea nel 2008. Gli studenti possono laurearsi in Scienze Economiche e Politiche, Cultura dell’Unità e Ontologia Trinitaria.

A Loppiano ci sono anche istituzioni che offrono corsi specifici per sacerdoti, religiosi, religiose e famiglie.

Ma Loppiano è più di un centro accademico. Il sogno della Lubich era avere una città come qualsiasi altra città moderna, e quindi Loppiano è anche la sede di un vivace centro artistico che include il Centro Ave, in cui pittori, scultori e architetti creano varie opere per cappelle e chiese di tutto il mondo. Il centro produce anche una linea di piccoli oggetti da regalo in ceramica. Due artisti professionisti hanno posto la propria base e hanno i loro studi a Loppiano, dov’è stata avviata anche una compagnia chiamata Fantasy, il cui staff multiculturale produce oggetti e biancheria per bambini venduti in tutta Italia.

Anche l’agricoltura è importante a Loppiano fin dalla sua fondazione. I primi residenti hanno imparato come lavorare la terra per provvedere a sé e agli altri, e oggi la Cooperativa Loppiano ha più di 4.000 membri che producono olio e vino.

La città ospita anche il Santuario di Maria Theotokos (Madre di Dio). Visto che l’ispirazione dietro Loppiano era che dovesse essere un luogo in cui il Vangelo diventava vivo nella vita quotidiana, la Lubich non si è concentrata subito a costruire un santuario. Nel 1986, dopo aver visitato vari santuari dedicati a Maria, ha sentito che anche Loppiano doveva offrire a residenti e visitatori il tipo di incontro con Maria che lei stessa aveva sperimentato in altri templi.

SANCTUARY OF MARY THEOTOKOS
tampe | CC BY-SA 3.0
The Sanctuary of Mary Theotokos.

Il Santuario di Maria Theotokos è stato progettato e costruito dagli esperti del Centro Ave di Loppiano ed è stato inaugurato nel 2004.

Papa Francesco visiterà Loppiano il 10 maggio. Nel Santuario incontrerà i membri del Movimento dei Focolari.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.