Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
Aleteia

Quando i giochi online non sono più un gioco

PRETEEN,BOY,COMPUTER
Shutterstock
Condividi

L’assorbimento in mondi virtuali può comportare conseguenze pericolose come il ritiro sociale e la perdita del senso di cosa è reale

La dipendenza da giochi online si inserisce all’interno di quella, più ampia, da Internet. Quest’ultima è una condizione sempre più diffusa che include il gioco d’azzardo patologico, lo shopping compulsivo, l’information overload addiction (la tendenza a ricercare in modo compulsivo informazioni online), il cybersexual addiction (l’uso compulsivo di siti pornogra ci) la cyber relational addiction, ovvero la tendenza a instaurare relazionali amicali e sentimentali sul web.

SI PUÒ PARLARE DAVVERO DI DIPENDENZA?

Recenti studi di neuroimaging suggeriscono che il circuito cerebrale che media il desiderio indotto dai videogiochi online sia simile a quello provocato dalle sostanze di abuso. Il craving, desiderio improvviso e incontrollabile di assumere una sostanza, insieme all’astinenza, sensazione di irrequietezza associata a sintomi sici e psicologici in caso di impossibilità a giocare, e alla tolleranza, necessità di aumentare progressivamente la quantità di tempo trascorso nell’attività ludica, rappresentano i tre costrutti fondamentali su cui si basa anche la dipendenza da gioco.

QUALI RISCHI SI CORRONO?

L’assorbimento in mondi virtuali può comportare conseguenze pericolose come il ritiro sociale e la perdita del senso di cosa è reale no allo sviluppo di veri e propri sintomi dissociativi. Inoltre, la dipendenza patologica da giochi online risulta frequentemente associata ad obesità, disturbi dell’umore, squilibrio emotivo e allo sviluppo di dipendenza da sostanze.

QUANDO POSSIAMO PARLARE DI UNA VERA E PROPRIA DIPENDENZA?

Si parla di dipendenza quando assistiamo a un vero e proprio assorbimento nei giochi online, che diventano la principale attività della giornata associato a sintomi di astinenza, tipo ansia, irritabilità, tristezza, in caso di impedimento a giocare. Si assiste inoltre ad una vera e propria perdita di interesse verso hobby precedenti di diverso tipo. Questi ragazzi presentano anche un’incapacità ad ammettere la quantità di tempo trascorsa sul pc a giocare, con necessità di mentire alle persone prossime rispetto a questo.

COSA POSSONO FARE GLI ADULTI?

Per fronteggiare una dipendenza che è sempre più di usa, in Italia esistono dei servizi psicologici dedicati che prevedono il sostegno del giocatore e del nucleo familiare. È fondamentale dunque non sottostimare l’entità della dipendenza e avviare interventi terapeutici speci ci per giocare d’anticipo rispetto alle conseguenze psicopatologiche, anche gravi, che si instaurano nell’ambito di quello che sarebbe dovuto essere solo un “gioco da ragazzi”.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni