Ricevi Aleteia tutti i giorni
Aleteia

Fidanzati: come lasciarsi per un pessimo motivo!

Condividi
Commenta

Siamo sicuri che la "compatibilità di carattere" sia così importante? Su cosa poggia, davvero, una bella relazione amorosa?

Ci siamo lasciati per incompatibilità di carattere — una delle frasi più ricorrenti quando due fidanzati si lasciano. Ma è proprio cosí? Davvero è importate essere – compatibili –per stare insieme? “Come stai? Come va con Marco?”
“Male…ci siamo lasciati”“Davvero?! Dopo tutto questo tempo insieme! Come mai questa decisione?”“Per incompatibilità di carattere…”Chissà quante volte ho sentito una discussione simile, a quante amiche ho sentito dire questa frase, ma la cosa non mi ha mai convinta.

Vi racconto una breve storia triste: c’era una volta una coppia di fidanzatini prossimi al matrimonio. Lei bella, molto bella, semplice, giovanissima e piena di vita. Lui, un uomo molto intelligente, intraprendente e risolutivo. Erano stati ottimi amici per un anno, si conoscevano bene nonostante vivessero a molti chilometri di distanza. Amavano scoprire l’uno gli interessi dell’altra. A lui piaceva la montagna e l’arrampicata, mentre lei adorava la musica. Entrambi avevano un cammino di fede abbastanza solido alle spalle, infatti si erano proprio conosciuti alla marcia francescana. Avevano però un grave problema: quando lui diceva bianco, per lei era chiaro che era nero; quando lei non desiderava che qualche giorno al mare, lui contava le ore per andare in montagna. Se lui diceva destra per lei era ovvio bisognasse svoltare a sinistra; in qualsiasi negozio entrassero per vedere i mobili per la loro nuova vita insieme, non erano d’accordo mai su niente. Se per lui le cose vanno dette con forza, per lei le frasi iniziavano spesso con: “forse…““non è che che per caso…“.

Questo è il classico caso di incompatibilità di carattere. Difficile, vero?! È tosta! Pare non funzioneranno mai questi due qui. Eppure non è così. Eppure forse non è così importante visto che quei due fidanzatini oggi sono felicemente sposati, hanno tre figli, sono campioni olimpionici di incompatibilità di carattere e lavorano ad un progetto molto bello che si chiama 5pani2pesci 🙂

Ricordo quando io e Francesco siamo andati a vedere degli appartamenti a Roma prima di sposarci. In particolare mi ricordo che avevamo un appuntamento con un’agenzia sulla Tiburtina (io ero convinta che fosse uno dei quartieri più adatti a noi). Uscita da quel piccolissimo appartamento appena visitato, scendiamo le scale mano nella mano, usciamo dal portone in silenzio, ci guardiamo negli occhi e contemporaneamente diciamo: “È perfetto!” io e “Che merda!” Francesco.

Io non credo alla storia dell’affinità di carattere, alla compatibilità, all’altra metà della mela, alle attrazioni fatali e tutta quella roba che a volte mi sa più di oroscopo da giornaletti che di relazione e di dono.

Cammin facendo, ho capito che la relazione con Francesco non è basata su una qualche compatibilità che chiaramente non abbiamo, ma su qualcosa di molto più grande di questo. Conosco anche varie coppie, diversamente giovani (direi io!), che da ragazzi erano compatibili ma poi con il tempo sono cambiati e quindi oggi lo sono meno. Non voglio dire che nelle coppie non ci debba essere intesa, anzi; ma questa nasce da una relazione profonda e non da una innata compatibilità. L’intesa è quel capirsi con il solo sguardo senza parlare e non può che esserci quando alla base si condivide una profonda intimità, ovvero quando nella relazione si va a fondo nella vita di chi ti sta davanti.

Pagine: 1 2

Top 10 For Her
  1. I più letti
    |
    I più condivisi
  2. Costanza Miriano/Il blog di Costanza Miriano
    Principessa Kate, aiuti Alfie Evans! Lo ami come …
  3. Costanza Miriano/Il blog di Costanza Miriano
    Principessa Kate, aiuti Alfie Evans! Lo ami come …
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni