Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

crisi demografica

In nome dei bambini che sarebbero potuti nascere e che ancora possono

La crisi demografica combinata con la catastrofe della pandemia. Ma i nostri bambini possono, devono nascere! Abbiamo la nostra libertà da esercitare.

La crisi demografica e quella ambientale hanno la stessa radice

Il tasso di fecondità in Italia è di 1,29 figli per donna nel 2018 e la tendenza è a peggiorare. La nostra pessima performance si inserisce in una tendenza globale alla riduzione di nascite. …

I minori in Italia? Pochi, poveri e a rischio sociale

I bambini in Italia, di qualsiasi nazionalità o origine, sono davvero i più ignorati dalla politica che ne ha fatto scivolare nella povertà assoluta 1 su 8

Denatalità: perché si nasce e si continuerà a nascere meno?

Gli ultimi dati: la diminuzione di donne in età fertile rappresenta nel nostro Paese una delle maggiori cause del calo delle nascite

Istat. L’Italia, il paese dalle culle vuote: mai così pochi bambini dall’Unità d’Italia!

Il rapporto annuale dell’Istat certifica il trend di un grave calo delle nascite, solo in parte mitigato dal tasso di natalità degli immigrati

Davide Rondoni: in un’Italia quasi senza figli la parola nascita è scandalosa (VIDEO)

Nascono sempre meno bambini ma tutti desiderano una vita più naturale. Ma che vuol dire vivere in modo naturale? Bere tisane e abbracciare gli alberi? No! Non basta.

L’allarme dei ricercatori: la metà dei Paesi del mondo sta scomparendo

Il calo della fertilità può mettere a rischio la continuità della razza umana

Arriva l’inverno (demografico), previste gelate senza precedenti su tutta la penisola

È appena uscito il rapporto Istat sul 2017: il trend di calo delle nascite non solo si conferma ma accelera.

USA: tassi di fertilità in forte calo

Aumentano invece i casi di sifilide neonatale

L’amore di una persona? Meglio quello di un cane

Arriveremo a preferire il bacio di Micio e Fido a quello del nostro partner come alcune ricerche sembrano suggerire?