Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

1/16

Ichtus

Ichtus
L'Ichtus è il simbolo a forma di pesce usato dai primi cristiani. La parola è formata dalle iniziali di altri termini: Ι (Iota), iniziale della parola Ἰησοῦς (Gesù), Χ (Chi); iniziale della parola Χριστός (Cristo); Θ (Theta), inizia della parola Θεοῦ (Dio); Υ (Upsilon), iniziale della parola Ὑἱός (Figlio); Σ (Sigma), iniziale della parola Σωτήρ (Salvatore). Il risultato è quindi “Gesù Cristo Figlio di Dio Salvatore”.

Lo que viene a significar: “Jesucristo Hijo de Dio Salvador”
2/16

Crismón

Crismón
Il Crismón, chiamato anche Monogramma di Cristo, o Chi Rho, è uno dei principali e più antichi simboli cristiani. È formata dalla combinazione delle lettere Χ (ji) e Ρ (ro), le sigle di Χριστóς (Cristo) sovrapposte. Venne adottato come emblema dall'imperatore Costantino.
3/16

Cruz

Croce
La croce è un emblema per molte culture e religioni, ma ha senz'altro la sua rappresentazione più importante nel cristianesimo, visto che Gesù Cristo è morto sulla croce. È il simbolo universale del cristiano, ma ha delle varianti, in base ad alcuni fatti storici, la cultura o le varie comunità cristiane.
4/16

Estaugrama

Staurogramma
Lo staurogramma, chiamato anche croce monogrammatica o Tau-Ro, è un simbolo cristiano formato dalle due lettere greche Tau (T) e Ro (P), abbreviazione dei termini greci “staurós”, che significa croce, e “stauróō”, che vuol dire crocifiggere. I primi cristiani iniziarono a utilizzarlo come simbolo che serviva come immagine della crocifissione di Gesù Cristo, e in molte occasioni viene rappresentato accanto all'Alfa e Omega.

Los primeros cristianos lo empezaron a utilizar como el primer símbolo que servía como imagen de la crucifixión de Jesucristo y en muchas ocasiones viene representado al lado del Alfa y Omega.
5/16

Alfa y Omega

Alfa e Omega
L'alfa è la prima lettera dell'alfabeto greco, l'omega l'ultima, e sono collegate all'inizio e alla fine, indicando che Cristo è il principio e la fine di tutto ciò che esiste.
6/16

Ancla

Ancora
L'ancora simboleggia per il cristiano un nuovo inizio o la speranza di vita eterna. È stata anche rappresentata come una croce, nota anche come Croce di San Clemente, riferendosi alla forma in cui venne martirizzato il santo per mandato dell'imperatore Traiano, che lo fece gettare in mare con un'ancora di ferro attaccata al collo.
7/16

Monograma IH

Monogramma IH
Molti dei simboli cristiani sono monogrammi, e hanno diversi significati. Uno di essi è l'IH. Il monogramma IH è l'abbreviazione del nome di Gesù. Le lettere Iota (I) ed Eta (H) sarebbero le prime due lettere del suo nome in greco, ΙΗΣΟΥΣ.
8/16

Monograma IX

Monogramma IX
Un altro simbolo è il monogramma IX, formato dalle lettere greche Iota (I) e Chi (X). In questo caso è l'abbreviazione delle due lettere iniziali delle parole Gesù e Cristo (ΙΗΣΟΥΣ e ΧΡΕΙΣΤΟΣ).
9/16

Monograma JHS

Monogramma JHS
Il monogramma JHS, o Trigramma, indica l'abbreviazione del nome ΙΗΣΟΥΣ (“Iesous”, Gesù), con le sue variazioni come JHS, IHC o IHΣ. In tutti casi viene utilizzato come abbreviazione del nome di Gesù scritto in greco. Alcune interpretazioni hanno avuto come risultato la frase “Gesù Salvatore degli Uomini”.
10/16

Paloma

Colomba
La colomba è sempre stata un simbolo di purezza e di pace, simbolo che poi rappresenterà lo Spirito Santo. “Quando tutto il popolo fu battezzato e mentre Gesù, ricevuto anche lui il battesimo, stava in preghiera, il cielo si aprì e scese su di lui lo Spirito Santo in apparenza corporea, come di colomba” (Luca 3, 21-22). Prima di trovarla nel Battesimo di Gesù a simboleggiare lo Spirito Santo, una colomba tornò da Noè con un ramoscello nel becco dopo il diluvio universale, portando la speranza di una vita nuova e pacifica sulla terraferma.
11/16

Pelícano

Pellicano
Una leggenda dice che il pellicano nutre i suoi piccoli con il proprio sangue e la propria carne, e per questo è diventato l'immagine metaforica per eccellenza di Cristo e dell'Eucaristia, cosa che spiega
la sua presenza in un gran numero di rappresentazioni e di ornamenti liturgici.
12/16

Pavo Real

Pavone reale
Gli antichi greci credevano che la carne del pavone reale non si decomponesse dopo la sua morte, ed è così che i pavoni reali sono diventati un simbolo di immortalità, e nel caso dei cristiani un ricordo del paradiso. Le piume del pavone reale, che cambiano ogni anno per lasciare spazio a piume nuove, rafforzavano la connessione e aggiungevano il simbolo spirituale della resurrezione.
13/16

Cordero

Agnello
L'agnello dolce e innocente è associato spesso al sacrificio nell'Antico Testamento. Nel libro dell'Esodo, il suo sangue sulle porte degli ebrei protegge i neonati dall'angelo sterminatore: “Parlate a tutta la comunità di Israele e dite: Il dieci di questo mese ciascuno si procuri un agnello per famiglia, un agnello per casa” (Esodo 12, 3). Nel Nuovo Testamento, “l'Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo” è ovviamente Cristo, che diventa il nuovo agnello pasquale, l'agnello che vince il male.
14/16

Corona de espinas

Corona di Spine
La Corona di Spine è il simbolo che rappresenta la passione di Gesù. I Vangeli ricordano che al momento della passione di Gesù i romani gli posero sul capo una corona di spine, umiliandolo perché aveva detto di essere il re dei giudei.
15/16

Pan y vino

Pane e vino
Questo simbolo ha origine nell'Ultima Cena. Il pane e il vino rappresentano rispettivamente il corpo il sangue di Gesù, che ha chiesto agli apostoli di rivivere quella cena in sua memoria. I cristiani ricordano e ripetono così l'Ultima Cena in ogni Eucaristia.
16/16

Vid

Vite
Nell'Antico Testamento la vite rappresenta il popolo di Israele (Salmo 80, 8-9), amato e protetto del Signore, ma che per orgoglio e disobbedienza continua divenne una vita selvaggia che produceva solo uva amara (Isaia 5). Nel Nuovo Testamento Gesù cambia la condizione di quella vite, dicendo “Io sono la vera vita”. Gesù è la vera vite, perché ha realizzato ciò che Dio voleva per Israele.

En el N T Jesús cambia la condición de esa vid,  Él mismo dice: “Yo soy la vid verdadera”; Jesús es la verdadera vid porque cumplió con lo que Dios tenía para Israel.