Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!
1/10
Santuario portatile giapponese del XVI secolo
I dipinti clandestini sopravvissuti alla repressione del cattolicesimo in Giappone rappresentano un'affascinante fusione di Oriente e Occidente. In generale, questa forma di santuari portatili è costituita da trittici in cui il pannello centrale è una scena devozionale occidentale classica.
2/10
Quando è chiuso, non si vede che è cattolico. Il resto dell'icona è laccato in stile tipicamente giapponese, senza dare un'indicazione esteriore del contenuto.
3/10
Un altro santuario trittico laccato giapponese della fine del XVI secolo
Anche se una volta erano comuni, sono sopravvissuti ben pochi di questi oggetti, quelli che in genere venivano portati a casa dagli occidentali.
4/10
Ancora una volta, l'esterno è decorato in stile tradizionale giapponese, senza che si sospetti il suo interno. Anche se in Giappone erano nascoste, le autorità hanno distrutto molte icone.
5/10
Pisside giapponese laccata, ca. 1600
Visto che il simbolo IHS era ben noto alle autorità, questo recipiente venne probabilmente “esportato” dai Gesuiti.
6/10
Figura di porcellana del XVIII secolo della Madonna col Bambino, Cina
I cristiani giapponesi ricorsero a Kwan Yin, la dea buddista della misericordia, come un sostituto delle immagini della Vergine Maria. In questo equivalente cristiano di Kwan Yin, il Bambino Gesù tiene in mano un piccolo rosario con una croce.
7/10
Immagine buddista di Kwan Yin
Come si può notare, le due immagini si potevano confondere.
8/10
Calice dorato argentato dell'inizio del XVII secolo
Realizzato in tre sezioni, facilmente smontabile per aiutare a nasconderlo. Una volta smontato, non assomigliava molto a un calice.
9/10
Calice irlandese del 1590
Venne portato in Inghilterra dall'Irlanda, dove il culto cattolico era soggetto a meno restrizioni. Il trifoglio è un riferimento a San Patrizio.
10/10
Il ciondolo che riproduce il pellicano della regina Elisabetta è visibile tra i gioielli che indossa. I primi cristiani adottarono il pellicano come simbolo dell'Eucaristia. È un riferimento discreto alla lealtà della regina alla vecchia religione?