Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
1/5
ANTONIO E LUISA DE ROSA, L'ECOLOGIA DELL'AMORE, TAU EDITRICE, 2018 È un libro che nasce dall'Intercomunione delle famiglie, e che offre tanti contributi, dalla psicologia alla sessuologia, per sostenersi a vicenda nella crescita spirituale di coppia. Un viaggio meraviglioso alla scoperta delle verità naturali e soprannaturali della relazione sponsale.
2/5
VITTORIO MESSORI, QUANDO IL CIELO CI FA SEGNO. PICCOLI MISTERI QUOTIDIANI, MONDADORI, 2018 Non è che il Cielo non ci parli: siamo noi a essere sordi. E non è che Dio non si mostri: siamo noi a essere ciechi. In pagine singolari e avvincenti, in cui si scopre l'atmosfera della confessione personale, Vittorio Messori racconta alcuni «segni» ricevuti nel corso della vita.
3/5
SILVANA DE MARI, IO MI CHIAMO JOSEPH, ARES, 2018 Joseph è un ragazzo per metà senegalese e per metà nigeriano; arriva in Italia dopo aver assistito allo sterminio della sua famiglia. vive col cuore straziato dalla nostalgia e dal senso di colpa di essere sopravvissuto. Vive rinchiuso in una solitudine granitica formata dai suoi ricordi e dai suoi incubi. La presenza di coetanei, il calcio, sembrano fare il miracolo di riportare Joseph verso la vita, lontano dai suoi fantasmi.
4/5
GIAMPIERO COLLU, IL PUNTO IN MEZZO, CASA DELLA BIBBIA, 2018 L’autore, affetto da una rara malattia neurologica che gli ha provocato un handicap dalla sua adolescenza, si è trovato spesso per terra a causa di un passo troppo avventato o troppo lungo. Caduta dopo caduta, l’autore ha trovato ogni volta la forza di rialzarsi grazie al "punto in mezzo", quel Dio che è al centro della sua vita.
5/5
PAOLO TONDELLI, MI FIDO DI TE. RIPENSARE L'EDUCAZIONE, EDBLOG, 2018 È necessario che gli adulti trovino la strada di stabilire con i ragazzi relazioni corrette basate sulla fiducia e sulla capacità di credere e dimostrare che è possibile fare percorsi comuni. Questo è però possibile solo se gli adulti sentono la necessità di rimettersi in gioco, affrontando le fatiche e accettando i limiti che accompagnano l'attività educativa.