Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

1/13
Pietro: In genere viene rappresentato con le chiavi, che sono le chiavi del Paradiso, ma lo si può anche vedere accanto a una barca, simbolo della Chiesa, della quale era responsabile; un gallo rappresenta il suo rinnegamento di Cristo; la croce invertita è l'espressione del suo martirio; la tripla croce indica la sua dignità papale.
2/13
Matteo: Viene spesso rappresentato con una lancia, una spada o un'alabarda, gli strumenti del suo martirio; l'angelo lo rappresenta come autore di un Vangelo. È anche rappresentato con un borsellino, un baule del tesoro o una bilancia, a rappresentare il suo status passato di pubblicano.
3/13
Giovanni: Il “discepolo che Gesù amava” è spesso rappresentato con un calderone di olio bollente – tortura a cui sopravvisse – o mentre tiene in mano un calice da cui emerge la testa di un serpente, in riferimento a un miracolo avvenuto dopo che gli venne offerto da bere da un recipiente avvelenato.
4/13
Andrea: In genere viene rappresentato su o con la croce – spesso a forma di X – sulla quale venne martirizzato. Spesso si vede con i piedi e i polsi legati alla croce da corde.
5/13
Giacomo il Maggiore: Oltre alla conchiglia diventata un simbolo con il pellegrinaggio a Compostela e l'armatura da cavaliere che deriva dalla leggenda secondo la quale combatté contro i mori in Spagna, l'apostolo viene anche rappresentato con il bastone del pellegrino e il rotolo o il libro della nuova Legge, e a volte con una spada che evoca la sua decapitazione.
6/13
Filippo: Oltre alla croce del suo martirio, l'apostolo viene anche rappresentato con una pietra a testimoniare la sua lapidazione. A volte stringe un rotolo nella mano sinistra.
© Wikimedia. San Filippo, di Giuseppe Mazzuoli, nell'arcibasilica di San Giovanni in Laterano a Roma.
7/13
Bartolomeo, chiamato anche Natanaele: Viene spesso rappresentato mentre tiene in mano la propria pelle – venne scorticato vivo – o con un lungo coltello, lo strumento del suo supplizio.
8/13
Tommaso: Viene spesso rappresentato con un dito nella ferita sul fianco di Cristo, con una squadra da architetto a richiamare il suo lavoro di costruttore in India o con una lancia, lo strumento del suo martirio.
9/13
Giuda Taddeo: Viene rappresentato con un bastone o un'alabarda, a ricordare il suo martirio. Spesso ha una fiamma sul capo o un'immagine di Gesù su un panno o un grande medaglione.
10/13
Simone Zelota: Viene spesso rappresentato con una sega, una nave o un libro – in riferimento ai Vangeli – o una spada a simboleggiare il martirio. Molte volte è accompagnato da fratellastro, Giuda Taddeo.
11/13
Giacomo il Minore: Lo vediamo con la mitra come primo vescovo di Gerusalemme, o a volte con un bastone che evoca il suo martirio.
Giacomo il Minore secondo François Boucher.
12/13
Giuda Iscariota: Viene rappresentato soprattutto impiccato a illustrare il suo suicidio o con un sacco di denaro, o mentre dà un bacio a Gesù in ricordo del suo tradimento.
13/13
L'apostolo Paolo, anche se non faceva parte dei “Dodici”: La sua caduta da cavallo illustra la conversione sulla via di Damasco. Viene anche rappresentato con un libro o un rotolo della nuova Legge, le sue epistole o la spada a ricordare sia la sua decapitazione che il fatto che la Parola di Dio è tagliente.
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.