Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 16 Maggio |
San Luigi Orione
Aleteia logo
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...Storie di Santi

Santa María Josefa del Corazón de Jesús

Fondatrice

MARIA JOSEFA DEL CORAZON DE JESUS

José Luiz Bernardes Ribeiro-(CC BY-SA 3.0)

Maria Giuseppa del Cuore di Gesù, figlia primogenita di Bernabé Sancho, seggiolaio, e di Petra de Guerra, casalinga, nasce a Vitoria (Spagna) il 7 settembre 1842, e fu battezzata il giorno seguente. Secondo la prassi allora vigente, fu cresimata due anni dopo, il 10 agosto 1844.

Rimasta orfana di padre all’età di sette anni, la mamma la preparò alla Prima Comunione, che ricevette a dieci anni. Quindicenne fu inviata a Madrid presso alcuni parenti per ricevere una educazione e una formazione più completa. Tratti caratteristici della sua infanzia e fanciullezza furono: una forte pietà verso l’Eucaristia e la Vergine Maria, una spiccata sensibilità verso i poveri e gli ammalati e una inclinazione alla ritiratezza.
Tornata a Vitoria, verso i 18 anni, manifestò alla madre il desiderio di entrare in monastero, sentendosi da tempo attratta alla vita claustrale.

Da adulta, Maria Giuseppa soleva ripetere: “Sono nata con la vocazione religiosa”. Solo che, a giudicare dalle circostanze, si evince che passò attraverso varie esperienze non senza contrastanti suggerimenti di saggi ecclesiastici, prima di trovare la forma definitiva della sua vocazione. Fu, infatti, in procinto di entrare fra le Concezioniste contemplative di Aranjuez, nel 1860, ma ne fu impedita per il sopraggiungere di una grave malattia di tifo. Sua madre l’aiutò a superare la delusione.
Nei mesi successivi le sembrò di comprendere che il Signore la chiamava ad un genere di vita religiosa attiva. Fu così che si decise ad entrare nell’Istituto delle Serve di Maria, di recente fondato a Madrid da S. María
Soledad Torres Acosta. Con l’avvicinarsi del tempo della professione, fu assalita da gravi dubbi ed incertezze sulla sua effettiva chiamata in quell’Istituto. Aprì il suo animo a diversi confessori e si sentì dire che aveva sbagliato vocazione. 

I contatti col santo Arcivescovo Antonio Maria Claret e i colloqui sereni con la stessa santa María Soledad Torres Acosta, maturarono gradualmente la decisionedi uscire dall’Istituto delle Serve di Maria per dar vita ad una nuova famiglia religiosa, che avesse per scopo esclusivo l’assistenza ai malati negli ospedali e a domicilio.
Condividevano questo ideale altre quattro Serve di Maria, che, con licenza del Cardinale Arcivescovo di Toledo, uscirono insieme con lei allo stesso scopo.

La nuova fondazione si fece a Bilbao nella primavera 1871, quando Maria Giuseppa aveva 29 anni. Da allora, e poi per 41 anni di seguito, fu superiora del nuovo Istituto delle “Serve di Gesù della Carità”. Si sobbarcò a penosi viaggi per visitare le varie comunità, finché una lunga malattia la confinò nella Casa di Bilbao. Costretta a letto o in poltrona, seguiva le vicende delle varie Case in Spagna e fuori mediante una fitta e preziosa corrispondenza.
Alla sua morte, avvenuta dopo lunghi anni di sofferenze, il 20 marzo del 1912, erano 43 le Case fondate ed oltre un migliaio il numero delle sue suore.

La sua santa morte provocò una grande emozione a Bilbao e in altre numerose località dove era conosciuta attraverso le Case del suo Istituto. Anche i funerali ebbero una risonanza straordinaria. Fu sepolta nel cimitero cittadino di Bilbao. Già nel 1926, crescendo la fama di santità, i suoi resti mortali furono traslati nella Casa Madre dell’Istituto e tumulati nella cappella, dove tuttora riposano.

María Josefa del Corazón de Jesús è stata beatificata, il 27 settembre 1992, e canonizzata, il 1° ottobre 2000, dallo stesso Papa: San Giovanni Paolo II (Karol Józef Wojtyła, 1978-2005).

Per approfondimenti biografici:
>>> Maria Giuseppa del Cuore di Gesù

Accedi qui all'archivio dei santi del giorno
IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più