Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 15 Giugno |
Beato Clemente Vismara
home iconFor Her
line break icon

Traslocare: come accompagnare le ansie dei propri figli?

cardboard boxes, girl, move, new home

© Just dance I Shutterstock

Edifa - pubblicato il 30/05/21

Cambiare casa, scuola, amici... L'esperienza può essere difficile da gestire per i figli, facendo emergere in loro diversi disturbi e angosce. Ma coinvolgendoli nell'avventura, è possibile limitare i timori e i pianti.

di Raphaëlle Simon

L’adattamento dei figli durante un trasloco richiede tempo e dipende dalla propria fiducia in sé stessi, afferma la psicoterapeuta Virginie Tesson. Come possiamo aiutarli a superare questo passaggio difficile?

Cosa succede al figlio durante un trasloco?

Ciò che caratterizza un trasloco è la perdita di punti di riferimento e che rende fragile chi è più debole. Nei figli più piccoli, questo squilibrio può manifestarsi in problemi comportamentali, dell’appetito o, più spesso, del sonno. Il bambino non riesce ad addormentarsi, o piange quando va a letto, e si sveglia più volte di notte, come se si sentisse perso. Per i più grandi, la parte più difficile è la rottura dei legami d’amicizia.

La reazione dei figli al cambiamento dipende direttamente dal livello della loro autostima e dalla loro fiducia nella vita. Se è buona, possono superare questa perdita di punti di riferimento e di amici, rimanere fiduciosi, andare verso l’altro, lasciarsi ammansire. Se è debole, la perdita sarà dolorosa, con una tendenza ad isolarsi. Il figlio avrà bisogno di tempo, diverse settimane almeno, per assorbire il cambiamento.

Perché questo cambiamento è così perturbante?

Il trasloco riaccende l’ansia da separazione, che a volte ha origine nel grembo materno. Quando la madre sta bene ed è felice, il bambino nell’utero sente l’amore di sua madre. Quando soffre, per qualsiasi motivo, sente come una mancanza d’amore. Questo è inscritto nella sua memoria inconscia, e può riattivarsi durante una separazione ulteriore come un trasloco.

Come accompagnare il bambino in questa angoscia?

Come per tutti i disturbi legati all’angoscia da separazione, consiglio alla madre di rileggere con il suo bambino la storia della sua vita. Ripercorrere i momenti dolorosi, dirgli che in quei momenti, anche se non lo sentiva, continuava ad essere amato. Poi parlate con lui della sofferenza provata durante il trasloco e invitatelo a scegliere di credere che, anche in questa situazione, continua ad essere amato da mamma e papà; insistere sul loro amore che rimane per sempre, anche se lui vede tanti cambiamenti intorno a sé.

Come deve essere informato il figlio?

Parlarne ai figli il più presto possibile dà loro il tempo di prepararsi. I genitori devono raccontare quello che sanno, e soprattutto come loro stessi vivono questo cambiamento. Spiegano le ragioni della loro scelta: “Abbiamo pensato che potevamo cambiare città affinché il papà fosse felice nel suo lavoro, e perché un papà al suo posto nel proprio lavoro fa bene a tutta la famiglia”. Un trasloco che tutti capiscono è una fonte di forza e di unità.

Come rispettare il ritmo e il percorso di ogni bambino?

Ognuno dovrebbe poter esprimere ciò che sente: “Quali sono le tue paure, le difficoltà che temi? Cosa ti rende felice?” La perdita degli amici è in cima alla lista delle preoccupazioni, spetta ai figli più grandi mantenere i loro vecchi amici, se lo desiderano. Non mi piace dire: “Ne troverai di nuovi”: ogni incontro, ogni amicizia è unica, non si può sostituire. Ma “avrai anche nuovi amici” lo è, tutto ciò che è stato vissuto prima è una ricchezza. Questo tesoro non viene portato via, al contrario, rimane per sempre, finché lo si vuole.

Il trasloco può essere un’opportunità per crescere?

Sì, può essere per alcuni un percorso di crescita. Ma attenzione: psicologicamente, questo cambiamento assomiglia al lutto. I familiari vivranno momenti di scoraggiamento, di tristezza (non vedere più ogni giorno quelli che si ama), di paura (riuscirò ad adattarmi qui e a fare nuove amicizie?). Tutti, adulti e figli, dovrebbero essere in grado di esprimere i loro sentimenti.

Quali consigli darebbe ai figli che hanno difficoltà ad adattarsi al loro nuovo ambiente?

Non ci sono consigli miracolosi, poiché il problema dell’adattamento è legato a una difficoltà precedente. Soprattutto, non costruire un’immagine troppo positiva: “Vedrai, sarà fantastico!” ma, al contrario, cercare davvero di raggiungere il figlio in quello che sta vivendo di doloroso, aiutarlo a dare un nome a ciò che ha perso. L’essenziale è metterlo di fronte alla sua scelta, invitarlo a scegliere la vita e la felicità, e quindi uscire da lui stesso e osare andare verso l’incontro. Nei primi tempi, ai figli non si deve chiedere del loro lavoro a scuola, ma delle loro relazioni: “Hai incontrato degli amici? Come si chiamano, cosa fanno, a cosa giocano?”. Lasciate che raggiungano gli altri e sperimentino quella gioia di essere accolti.

Tags:
figli
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
MOTHER AND LITTLE DAUGHTER,
Silvia Lucchetti
Lui si suicida dopo aver ucciso le figlie: Giulia torna a vivere ...
6
Silvia Lucchetti
Matteo si è ucciso “in diretta” su un forum online. E...
7
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
Vedi di più