Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 16 Maggio |
Sant'Isidoro
home iconSpiritualità
line break icon

Non ho fede, cosa devo fare?

CIERPIENIE

Antonio Guillem | Shutterstock

Edifa - pubblicato il 16/04/21

La fede cristiana è sì un dono di Dio ma richiede un approfondimento non solo attraverso l'intelligenza ma anche attraverso le opere.

di padre Nicolas Buttet

La fede è un dono di Dio, soprannaturale e definitivo. Ma non è un dono “magico”. Dio, per amor nostro, fa sempre appello alla nostra libertà: chiede la nostra partecipazione allo sviluppo dei doni che ci offre. Il dono della fede, dunque, richiede una risposta da parte dell’uomo: il consenso alla verità rivelata. Quest’adesione dell’intelligenza alla Rivelazione si realizza attraverso un atto di fede, che si radica nella parola di Dio come ci insegna la Chiesa Cattolica. Il contenuto della fede si riceve così attraverso l’insegnamento della Chiesa, si esercita attraverso la preghiera e la si custodisce grazie alla memoria. La fede è la roccia su cui si basa tutta la nostra vita soprannaturale di persone battezzate. Ci dà un’anticipazione della gioia del Cielo. Lì, la fede sarà sostituita dalla visione di Dio. Da questo punto possiamo trarre quattro conseguenze.

Sta a noi credere nella nostra fede e dubitare dei nostri dubbi

Innanzitutto la fede, perfezionando l’intelligenza umana, può superarla, ma non può contraddirla, perché entrambe hanno la stessa finalità: la conoscenza della verità. In secondo luogo, poiché la fede ha la sua dimora nell’anima spirituale, non si può trovare nel sentimento.

Infatti non si tratta di “sentire” emozionalmente la fede, né l’amore o la speranza. In terzo luogo, la fede è esercizio, lotta. La dolce ma sconcertante pedagogia di Dio consiste nel lasciare che dei dubbi entrino in noi affinché possiamo esercitare la nostra fede! Sta a noi credere nella nostra fede e dubitare dei nostri dubbi. Ma succede spesso che, in queste circostanze, diamo molto credito ai nostri dubbi e così poca fede… alla nostra fede!

La fede è certezza. Nessuno, se avesse un po’ di buon senso, impegnerebbe la sua vita su un dubbio! Ecco perché l’obbedienza alla verità diventa l’atteggiamento più nobile del credente. Ne consegue che si può perdere la fede, per negazione o dubbio volontario di fronte all’insegnamento della Chiesa, anche se l’oggetto del dubbio riguarda solo uno degli articoli proposti alla nostra credenza. Chi rifiuta ostinatamente di dare il suo assenso interiore a uno dei punti contenuti nella fede, non ha più fede, anche se è un pozzo di scienza teologica! Al contrario, ha fede colui che non crede esplicitamente in tutto, ma che è pronto a credere man mano che questa conoscenza gli diventa accessibile.

Infine, quarta conseguenza, San Giacomo ci dice che la fede senza le opere è una fede morta (Gc 2,20). Quindi, perché la nostra fede sia viva, deve essere attiva “per mezzo della carità” (Gal 5,6). Dobbiamo osare testimoniare la nostra fede con la nostra bocca. Dobbiamo avere il coraggio di testimoniarla con le nostre azioni. Parlando della “morte di Dio”, il cardinale Ratzinger aveva fatto la seguente riflessione: “Che cosa avrebbe potuto rendere Dio più problematico nel nostro mondo ateo, se non il carattere che interpella della fede e dell’amore di coloro che credono in Lui?” Testimoniare dell’amore di Dio nutre anche la nostra fede.

➡️ GALLERY: LE PERLE DEI BAMBINI SULLA FEDE ⬅️

Tags:
fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
chiara amirante,
Paola Belletti
Perché dobbiamo pregare per la guarigione di Chiara Amirante
2
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle parrocchie
3
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
Padre Henry Vargas Holguín
Quali peccati un sacerdote “comune” non può perdonare?
7
Padre Maurizio Patriciello
L’amore di un prete per i fratelli omosessuali e le sue pre...
Vedi di più