Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 05 Agosto |
Sant'Oswaldo di Northumbria
home iconFor Her
line break icon

I vantaggi e i benefici della fascia porta bebè

MATKA Z DZIECKIEM

Pixel-Shot | Shutterstock

Edifa - pubblicato il 19/12/20

Per portare il vostro bambino ovunque con voi, perché non optare per una fascia porta bebè? Leggera e facile da usare, presenta molti vantaggi.

di Sylviane Boudaff

Molte giovani mamme si entusiasmano per le fasce porta bebè, rassicuranti e pratiche al tempo stesso. Ecco dei consigli in materia da parte di Elise Drouin, madre, puericultrice ed esperta sulle tecniche per portare la fascia.

Da dove viene la pratica della fascia porta bebè?

Elise Drouin: Esiste da molto tempo in Asia, in Sud America e in Africa. A seconda del paese, le tecniche cambiano, ma i vantaggi del contatto corpo a corpo e della vicinanza prolungata sono stati universalmente rilevati. La fascia è sicuramente uno dei mezzi più semplici per portare il bebè: nessuna pressione, nessuna fibbia di metallo o di plastica. Sin dalla nascita, il bambino può essere trasportato in modo sicuro finché non diventa troppo pesante.

Quali sono i benefici per lo sviluppo del bambino?

Alla nascita, il bambino ha appena trascorso nove mesi al caldo, sentendo tutti i movimenti della madre, ascoltando il suo cuore. Il fatto di essere avvolto contro di lei gli permette di ritrovare queste sensazioni, di essere cullato e di calmarsi. Inoltre, il calore di sua madre, ciò che sente e ciò che vede stimolano i suoi sensi. Grazie a questi momenti di intimità, genitori e bebè si scoprono, si toccano e comunicano. Questo contatto avvolgente può contribuire a rafforzare i legami.

Quali benefici si osservano per la salute del bebè?

La fascia porta bebè è consigliata per mantenere le gambe del bambino in una buona posizione, permettendo così uno sviluppo armonioso delle articolazioni dell’anca e delle ossa del bacino. Inoltre, permette al bambino di evitare di riposare sulle parti genitali. Il bambino è seduto e le sue gambe sono alla stessa altezza del bacino. Inoltre, in caso di reflusso gastrico, fornisce anche sollievo e rilassamento. Ultimo vantaggio: in strada il bambino si siede più in alto che nel passeggino ed è quindi meno esposto ai fumi di scarico.

Ci sono dei benefici anche per la mamma o per chi mette la fascia porta bebè?

I vantaggi della fascia porta bebè sono molteplici anche per loro. Niente più impicci con i passeggini nel bus o nella metro. Le condizioni della strada non sono più un problema. Un altro vantaggio per il padre o la madre è che il mal di schiena è quasi inesistente, poiché il peso è distribuito su diverse aree: spalle, petto, schiena e fianchi. Inoltre, chi lo indossa tiene le mani libere per le faccende domestiche, per coccolare il bebè o per occuparsi di un bambino più grande. Spesso i genitori lasciano piangere il loro bambino perché hanno altre emergenze. Con la fascia porta bebè, finiti questi dilemmi… si rivelerà molto comoda nell’ora dei pianti la sera! Intorno agli 8-9 mesi, quando arriva l’angoscia da separazione, il contatto rassicurerà il bambino. Infine, l’allattamento al seno è molto discreto quando il bebè si trova nella fascia.

Come posizionare il bebè?

Le posizioni variano a seconda della sua età e del suo sviluppo. Un neonato può essere portato contro di sé, faccia a faccia, in posizione a culla o ad amaca. Dai 4 mesi di età, inizierà ad interagire maggiormente e sarà felice di girarsi verso il mondo. Verso gli 8-9 mesi, quando saprà tenere ben diritte la schiena e la testa, portarlo sul fianco o sulla schiena sarà particolarmente indicato.

Quali sono le differenze con un marsupio porta bebè classico?

Oltre ai vantaggi già citati, la fascia permette un aggiustamento adattato a ciascuno e ad ogni circostanza, mentre sono rari i marsupi porta bebè adatti veramente alle varie fisiologie e che siano confortevoli sia per chi le indossa che per il bebè. È possibile acquistare questa fascia in alcuni negozi specializzati oppure ordinarla online. Ma la soluzione più economica è fabbricarla da soli. Un gioco da ragazzi, visto che in realtà è solo un grande rettangolo di stoffa!

Tags:
bambini
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
MADELEINE PAULIAC
Sandra Ferrer
La dottoressa che aiutò a partorire delle suore violentate
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
DEVIL, 2020, ADVERTISING
Gelsomino Del Guercio
Il potere malefico degli angeli cattivi: fin dove può arrivare il...
4
BISHOP BARRON
Francisco Vêneto
Il vescovo Barron mette in guardia sull’ideologia del testo...
5
CARLO ACUTIS
Violeta Tejera
La prima vetrata che ritrae Carlo Acutis in jeans e scarpe da gin...
6
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
7
DOCTOR
Vanderlei de Lima
La sofferenza è una punizione di Dio?
Vedi di più