Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
home iconSpiritualità
line break icon

Affidiamoci alle ricchezze del Santo Rosario per prepararci al Natale

Udra11 / Shutterstock

Edifa - pubblicato il 02/12/20

Chi meglio della Madre di Dio può condurci al Natale? Contemplando la sua vita e il suo mistero, capiamo che il modo giusto per attendere il Signore si può riassumere in una sola parola: "Sì". Per prepararci bene al Natale, perché non recitare allora il Rosario durante l'Avvento?

di Christine Ponsard †

Non potremmo trovare una guida più appropriata della Vergine Maria per condurci fino al Natale. Ha atteso Gesù innanzitutto come figlia d’Israele, la cui Speranza era rivolta verso la venuta del Salvatore, ma ha atteso Gesù anche come madre, e come madre che sapeva che il Piccolo Bambino che portava nel Suo grembo era il Figlio dell’Altissimo. Per preparare la nascita di Gesù, Maria non ha fatto cose straordinarie, ha soprattutto rivolto “gli occhi del Suo Cuore” verso di Lui, come diceva San Giovanni Paolo II. Maria ci insegna ad aspettare Suo Figlio con Lei, nella Fede, nel silenzio e nell’ascolto. Affidiamoci dunque alle ricchezze del Santo Rosario, meditandone i misteri, per prepararci al Santo Natale.

Il modo giusto di aspettare il Signore si può riassumere in una sola parola: “Sì”

Non stiamo preparando la nascita di Gesù a Betlemme. Egli è nato lì, una volta per tutte, duemila anni fa. Eppure stiamo proprio preparando la Sua venuta: la Sua venuta nella gloria e la Sua venuta in noi. Gesù ce l’ha promesso: “Se uno Mi ama, osserverà la Mia parola e il Padre Mio lo amerà e Noi verremo a lui e prenderemo dimora presso di lui” (Gv 14,23). Ma noi siamo pronti ad accoglierLo? Abbiamo questo desiderio? O è soffocato da ogni tipo di preoccupazione materiale, dalle inquietudini o dalla lussuria? E noi siamo come le sentinelle che attendono nella Speranza l’incontro decisivo con Gesù alla nostra morte e alla fine dei tempi? Quell’incontro di cui non conosciamo “né il giorno né l’ora”?

Contemplando la vita di Maria e il Suo mistero, comprendiamo che il giusto modo di attendere il Signore si può riassumere in una sola parola: “Sì”. Un “Sì” senza riserve: Maria si è donata completamente. Un “sì” fiducioso: Maria ha compiuto la volontà di Dio istante dopo istante, senza preoccuparsi del futuro. Un “sì” incarnato nelle piccole cose di ogni giorno: Maria ha vissuto l’esistenza ordinaria di una moglie e di una madre. Un “sì” pieno di umiltà: Maria non ha mai contato sulle proprie forze, ma ha scommesso tutto su Dio. Un “sì” gioioso: il canto del Magnificat esprime la gratitudine che trabocca dal Suo Cuore, anche se con uno sguardo umano avrebbe avuto motivo di essere turbata e preoccupata.

Ci sono mille modi per recitare il Rosario

Per preparare il Natale con Maria, recitiamo dunque il Rosario. È a questo che San Giovanni Paolo II ci invitava insistentemente: “Pregare col Rosario per i figli, e ancor più con i figli, educandoli fin dalla più tenera età a questo momento giornaliero di «sosta orante » della famiglia, non è, certo, la soluzione di ogni problema, ma è un aiuto spirituale da non sottovalutare” (Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae del 16 ottobre 2002, § 42.). San Giovanni Paolo II insisteva anche sull’importanza del silenzio, per non pronunciare le Ave Maria una dopo l’altra senza riflettere. Suggeriva di iniziare ogni decina con l’enunciazione del mistero completo, seguita dall’annuncio di un passo della Bibbia. E aggiunse: “È opportuno che, dopo l’enunciazione del mistero e la proclamazione della Parola, per un congruo periodo di tempo ci si fermi a fissare lo sguardo sul mistero meditato, prima di iniziare la preghiera vocale”.

Rimaniamo semplici e flessibili: adattiamoci all’età dei bambini, alla loro capacità di attenzione (che può variare da un giorno all’altro), affinché la preghiera del Rosario sia sì uno sforzo, ma non una forzatura. “Se il Rosario viene ben presentato, sono sicuro che i giovani stessi saranno capaci di sorprendere ancora una volta gli adulti, nel far propria questa preghiera e nel recitarla con l’entusiasmo tipico della loro età”. (Lettera Apostolica Rosarium Virginis Mariae, 16 ottobre 2002, § 4).

“Ci sono mille modi per dire il Rosario” ha detto un giorno un sacerdote. “Scegliete quello che fa per voi. Il rosario può essere una preghiera di meditazione, di adorazione, seguendo i misteri della vita di Gesù. Si può semplicemente prestare attenzione al dolce nome di Maria e di Gesù. Ad ogni Ave Maria, si può pregare per una persona che abbiamo incontrato durante la giornata. E possiamo anche ripetere questa preghiera nella monotonia: così, a poco a poco, la Buona Novella dell’Incarnazione entrerà nel nostro cuore”.

Tags:
avventomadonnanatalerosariosan giovanni paolo ii
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CATERINA SCORSONE
Cerith Gardiner
19 personaggi famosi orgogliosi dei propri figli con necessità sp...
2
BABY
Mathilde De Robien
Nomi maschili che portano impresso il sigillo di Dio
3
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
4
Claudia Koll Vieni da me Rai1
Silvia Lucchetti
Claudia Koll: ho pregato tanto per mio figlio malato e ho ricevut...
5
WOMAN,OUTSIDE,BORED
Gelsomino Del Guercio
Soffri di accidia? Scoprilo e segui i rimedi di un monaco del IV ...
6
BRUISED CORTO ANIMATO ROK WON HWANG
Catholic Link
Corto animato: abbracciami, Signore, perché nel dolore voglio rif...
7
messe avec masques
Lucandrea Massaro
Cambia di nuovo il Rito della pace durante la Messa
Vedi di più