Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconFor Her
line break icon

Come rimanere uniti al proprio coniuge anche se è venuto a mancare?

Veuve regardant photo de son mari décédé

Photographee.eu - Shutterstock

Edifa - pubblicato il 03/11/20

Quando uno dei coniugi muore, il legame giuridico e sacramentale che li univa scompare. Questo significa allora che il loro amore si spegne? Assolutamente no, anzi è chiamato a crescere, più vivo che mai!

di padre Pierre Descouvemont

Dopo la perdita dell’anima gemella, il coniuge che rimane sulla terra sa che colui che è andato via rimarrà sempre presente nel suo cuore. È una presenza reale. Infatti poiché Cristo è nel nostro cuore ed è un Tutt’Uno con tutte le membra del Suo Corpo Mistico, abbiamo il diritto di pensare che anche i nostri cari defunti vivono nel nostro cuore con Lui, che ci amano e pregano per noi. Se soffriamo al pensiero che avremmo dovuto chiedere perdono di più quando erano ancora qui sulla terra, ricordiamoci che nella loro eternità non hanno nessuna difficoltà a perdonarci!

“Compagni di eternità”

Certamente, il coniuge rimasto sulla terra può ricevere di nuovo il Sacramento del matrimonio e fondare una nuova famiglia. Se è una vedova, avrà due uomini in Paradiso che le faranno la corte, e non sarà accusata di bigamia! Ai tempi di Gesù, i Sadducei (coloro che non volevano sentire parlare della risurrezione dei morti perché i primi libri della Bibbia non ne parlavano) usavano questo esempio per deridere i Farisei che ci credevano. Raccontavano ridendo la storia di una donna che aveva sposato sette mariti successivamente. “Alla risurrezione, dunque, di quale dei sette sarà moglie? Poiché tutti l’hanno avuta in moglie”. E Gesù rispose loro: “Vi ingannate, perché non conoscete le Scritture e neppure la potenza di Dio. Alla risurrezione infatti non si prende né moglie né marito, ma si è come angeli nel cielo.” (Mt 22,28-30). Gesù non dice che ci trasformeremo in angeli perché recupereremo i nostri corpi. Ma saranno dei corpi di gloria a tal punto che saremo come angeli, questo significa che il nostro corpo e la nostra sessualità saranno trasfigurati al punto che saremo in grado di amare più persone allo stesso tempo e di manifestare loro questo amore con gesti “angelici”!

Ma non mancano dei vedovi e delle vedove che scelgono di non risposarsi e che preferiscono vivere la prova della vedovanza come noviziato, come preparazione finale per la piena fioritura del loro amore. Credono con tutto il cuore che gli anni più belli del loro matrimonio arriveranno, con la differenza che saranno secoli senza fine. Senza un secondo di noia, senza l’ombra di un litigio, di un malinteso o di una gelosia! Saranno per sempre “compagni di eternità”. In un discorso del 1957 alle donne vedove, Pio XII disse loro: “Anche se la Chiesa non condanna le seconde nozze, essa esprime la sua predilezione per le anime che vogliono rimanere fedeli al loro coniuge. La prova diventa un’opportunità per un’unità più profonda, sapendo che l’altro è felice in Dio. Si sperimenta l’apprendimento dell’eternità”.


SUN LIGHIT

Leggi anche:
Siamo fatti per essere guardati: spettacolo costante dell’amore di Dio

Tags:
amoreconiugi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più