Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
Sant'Andrea
home iconStile di vita
line break icon

Vostro figlio adolescente vive una delusione d’amore? Non accorrete subito

TEENAGERS

Olimpik - Shutterstock

Edifa - pubblicato il 23/10/20

Una delusione d’amore può aiutare vostro figlio a crescere, a condizione di lasciargli la possibilità di affrontarla da solo.

di Anne Gavini

“Si impara molto dalle delusioni d’amore. Ciò nonostante, la maggior parte dei genitori vuole evitarle a tutti i costi ai propri figli”, dice lo psicologo dell’educazione Bruno Humbeeck, autore di Un chagrin d’amour peut aider à grandir (Una delusione d’amore può aiutare a crescere). I genitori trovano facilmente il modo di consolare il dolore dei loro figli quando sono più piccoli e non se ne privano. Come si precipitano per rimediare alle loro mancanze e frustrazioni, senza dar loro la possibilità di affrontarle da soli! Un atteggiamento che, secondo Bruno Humbeek, non fa che aumentare l’impatto della prima delusione amorosa.

Di fronte ad un tale dramma, come reagire?

Eravamo fidanzati da più di sei mesi, poi Christophe andò all’estero e dovevamo sposarci quando sarebbe tornato. Ma poi mi scrisse per dirmi che ci aveva pensato e non voleva più impegnarsi”, confida Clotilde, 26 anni. I miei genitori si erano arrabbiati e volevano fargli cambiare idea. Io avevo l’impressione non solo che non mi stavano aiutando, ma che in più mi stavano rubando la mia delusione”.

Indipendentemente dall’impatto sulla famiglia, è importante lasciare che il giovane viva la sua storia poiché il dolore è legato al passaggio all’età adulta. A questo punto si riattiva la separazione che il bambino ha vissuto il primo giorno di asilo o di scuola. Una tappa fondamentale per i genitori, che questa volta non hanno un orsacchiotto da lasciare come compensazione. Il giovane adulto è solo, e dovrà trovare nelle proprie risorse la capacità di guarire.

Il passaggio all’età adulta

“Il genitore deve avere empatia e quindi accogliere le emozioni del figlio, essere disponibile a parlare, ma soprattutto rispettare il tempo della delusione”, insiste Sophie Benkemoun, specialista degli adolescenti. Desiderosi di alleviare il dolore, sono a volte tentati di denigrare la persona persa, o di relativizzare la situazione con delle frasi del tipo: “Quando si chiude una porta, si apre un portone”. Fare così significa negare i momenti felici della relazione e mettere in discussione il giudizio dell’infelice: “Ti ha fatto soffrire tanto! Probabilmente non sai scegliere bene”.

In realtà, la delusione d’amore è un luogo misterioso, dove può compiersi un passaggio importante dall’infanzia all’età adulta. Se tante relazioni durante l’adolescenza finiscono male, è perché ognuno ama sé stesso attraverso l’altro, senza accoglierlo nella verità. La rottura qui è tanto più importante perché si accompagna ad una rottura con l’adolescenza. Se durante questa fase, l’adolescente è ben accompagnato, sarà per lui l’occasione di liberarsi veramente da un legame sterile per diventare pienamente sé stesso. Ma per fare in modo che torni la pace interiore, ci vorrà tempo, ascolto e disponibilità.

Lasciate che il tempo faccia il suo lavoro e abbiate fiducia in Dio, affinché compia la Sua opera nei momenti più bui: “Di fronte alla delusione d’amore di mia figlia, le ho detto tre cose: siamo qui; prega affinché il Signore ti illumini e ti dia la pace; soffri e puoi piangere”, confida Elisabetta. Le delusioni d’amore possono insegnare ad amare!

Tags:
adolescentiamoreeducazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più