Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 27 Febbraio |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Sapere che papà si confessa è una benedizione per i bambini

PRIEST, CONFESSION, MAN

Philippe Lissac / Godong

Edifa - pubblicato il 15/10/20

La parola e l'autorità dei genitori non perdono credibilità se i bambini vengono a sapere che il padre si confessa, al contrario....

di Vincent de Mello

Papà si sta confessando… ammettete che è una buona notizia. È già bello saperlo, è ancora meglio, una volta ogni tanto, vederlo fare. E poi non è solo lui: anche i preti della parrocchia vanno a confessarsi! È già bello saperlo, è ancora meglio vederlo fare.

Nel momento in cui il mondo adulto si inginocchia e accompagna questo gesto con il “Prega per noi peccatori”, è allora che non mente sulla vita adulta. Perché, in quel momento, riveliamo ai nostri figli che crescere, maturare, progredire e costruire la propria vita non è essere senza peccato, ma è un crescere in umiltà.

Tutti i padri hanno bisogno della Misericordia di Dio

Non si può mentire ai bambini, non è per renderli vulnerabili, perché i loro padri, tutti i loro padri, hanno bisogno della Misericordia di Dio; Gesù è anche per loro il Salvatore. Papa Francesco, che si confessa davanti agli occhi dei fedeli prima di andare a confessare, indica la strada: la sua parola non è meno credibile allora, tutt’altro.

Conosco bambini che pregano perché i loro genitori si confessino; e non sono stato io a dar loro l’idea. Sentono che coloro che sono il loro modello, il loro riferimento e il loro punto d’appoggio per crescere, potranno occupare quel posto solo se sono veri. Quale trasparenza nel rapporto, appena sappiamo che siamo tutti sulla stessa barca!

Certo, la posizione di autorità c’è sempre, ma non è più mondana, non è una posa che si assume, non si basa su una menzogna, ma sul fatto che io sono padre e madre per un dono di Dio. Non è un potere che possediamo noi stessi, in virtù dei nostri meriti, che ci rende figure paterne o che ci rende genitori, è la missione che abbiamo ricevuto da Dio nonostante la nostra debolezza. Non c’è bisogno di giocare a fare i genitori, dobbiamo esserlo nella verità, cioè riceverlo da Dio.




Leggi anche:
Il peccato c’è, il peccato non c’è più! La Confessione spiegata ai bambini (VIDEO)

Beati i bambini i cui genitori si inginocchiano

Se papà si confessa, io, suo figlio, capisco che la sua autorità viene da un Altro. E se riesco a vedere che Dio è più grande dei miei genitori, allora confonderò meno i loro errori con Dio, le loro possibili ingiustizie non faranno di Dio un Dio ingiusto. Questo modo di collocare il nostro “ruolo” educativo e familiare nel rapporto del figlio con il Signore è solo un modo di guardare con gli occhi della fede alla sostanza di questo ruolo che è di fatto una missione.

Una missione passeggera, solo per questa vita, che richiede un grande distacco, proprio perché siamo attaccati gli uni agli altri… Ma una missione la cui realizzazione sarà possibile solo per grazia di Dio. Quanti genitori nella storia umana hanno chiesto la benedizione di Dio sui loro figli?

Possiamo solo onorare l’umiltà di quelle anime genitoriali che non vogliono e non sono in grado di educare da soli. Felici i bambini i cui genitori si inginocchiano.




Leggi anche:
Come presentare la confessione ai bambini?

Tags:
bambiniconfessione
Top 10
See More