Aleteia
mercoledì 28 Ottobre |
Santi Simone e Giuda

Come dare tutta la sua dimensione di festa alla domenica in famiglia?

HAPPY, FAMILY, HOME

Liderina | Shutterstock

Edifa - pubblicato il 04/10/20

Troppo spesso la domenica fa rima con noia. Per questo è necessario prendere delle iniziative concrete che rendano il giorno del Signore un vero e proprio tempo di riposo, di festa e di santificazione.

di Christine Ponsard

Abbiamo tutti bisogno di riprendere fiato. “L’alternanza di lavoro e riposo, insita nella natura umana, è voluta da Dio stesso”, diceva San Giovanni Paolo II nella lettera apostolica Dies Domini, il 31 maggio 1998. Le vacanze, come i giorni di riposo settimanali, sono apprezzate da tutti: basta vedere il buon umore che regna quando si esce dagli uffici alla fine della settimana… Ma attenzione a non confondere il “weekend” con la domenica. Il riposo domenicale, in effetti, è molto più di un semplice momento di relax. Infatti, se fosse solo questo, potrebbe benissimo trovarsi anche in un qualsiasi altro giorno della settimana: dopo tutto, perché la domenica e non il lunedì o il mercoledì?

Riposare la domenica è riorientarsi nella direzione del Regno

Perché la domenica? La domenica è il giorno della Resurrezione e la Resurrezione è ciò che dà significato a tutto ciò che viviamo sulla Terra. Riposarsi la domenica non è solo smettere di lavorare, è, più profondamente, riorientarsi nella giusta direzione: quella del Regno. La domenica restituisce alla nostra vita una sua dimensione verticale, mentre il fine settimana offre solo una prospettiva orizzontale.

Il riposo domenicale è un atto di Fede e di Speranza. Non è sempre facile per noi fermarci, far finta di non avere dossiers in ritardo o una contabilità da aggiornare. Ma la domenica ci è data per cercare prima il Regno, con la certezza che “tutto il resto ci sarà dato in aggiunta”. Lasciare da parte il nostro lavoro è una manifestazione concreta della nostra fiducia in Dio, significa riconoscere che tutto ci viene da Lui, che il nostro lavoro è una partecipazione alla Sua opera di Creatore, e che fuori di Lui non possiamo fare nulla. Non abbiate paura, ripeteva il Santo Padre San Giovanni Paolo II. Non abbiate paura di dare il vostro tempo a Cristo.

Domenica, giorno di festa

La domenica dovrebbe essere, per eccellenza, il giorno della gioia: gioia di celebrare Gesù risorto veramente presente in mezzo a noi, gioia della Risurrezione a cui tutti siamo chiamati, gioia di sapere che tutta la nostra vita terrena è un cammino verso il Regno e che, di domenica in domenica, la Chiesa avanza verso l’ultimo giorno del Signore, la domenica eterna.

Tuttavia, se il riposo domenicale ha una cattiva reputazione, è perché la maggior parte delle domeniche sono segnate dalla malinconia e dalla noia. È urgente che ci inventiamo delle domeniche di festa, che troviamo come viverle in parrocchia, con la famiglia e gli amici, domeniche all’insegna della semplicità e della gioia, e che la domenica non sia mai più quel giorno vuoto che tante persone sole temono.

Al centro della domenica c’è l’Eucaristia. Assistere alla Messa ogni domenica non è un lusso riservato a chi non ha niente di meglio da fare, né un’opzione per persone pie: è una necessità vitale.

Fin dai primi secoli, i cristiani hanno sentito il “bisogno interiore” di riunirsi ogni domenica per celebrare l’Eucaristia, a volte anche mettendo a rischio la loro vita. “Solo più tardi, di fronte alla tiepidezza o alla negligenza di alcuni, la Chiesa ha dovuto rendere esplicito il dovere di partecipare alla messa domenicale: lo ha fatto il più delle volte sotto forma di esortazione, ma a volte ha dovuto anche ricorrere a precise disposizioni canoniche” (San Giovanni Paolo II, Lettera apostolica Dies Domini, 31 maggio 1998, § 47). In altre parole, la Chiesa ha dovuto affermare chiaramente che la partecipazione alla Messa domenicale è un obbligo serio, un atto essenziale da cui dipende la nostra vita spirituale. Se la Chiesa ci invita a santificare la domenica, è perché ne abbiamo bisogno: non perdiamoci questo dono.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
domenicafamiglia
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Mirko Testa
Quali lingue parlava Gesù?
PRAYER
Philip Kosloski
Resistete alla “tristezza del diavolo” con qu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Catholic Link
7 armi spirituali che ci offrono i santi per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più